Navalny, l'ambasciata Usa a Mosca ci tiene a precisare chi ha organizzato le proteste

Navalny, l'ambasciata Usa a Mosca ci tiene a precisare chi ha organizzato le proteste

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

È normale che la rappresentanza diplomatica di un paese pubblichi le mappe delle proteste non autorizzate, causa Covid-19, dalla nazione in cui si svolgono?

La logica direbbe di no.

Nel nostro mondo alla rovescia dove chi ha un consenso pari alla lista dei pensionati ed è nominato dal mainstream, come nel Grande Fratello, principale rappresentante dell'opposizione in Russia, probabilmente lo è.

Questo è ciò che ha fatto ieri l'ambasciata statunitense a Mosca che, sul suo sito, oltre a pubblicare le mappe delle proteste, ha aggiunto dettagli che neanche gli organizzatori conoscevano.

La portavoce della diplomazia russa, Maria Zakharova, a tal proposito, ha chiesto: "Che cos'è: orientamento o un consiglio? Questi piani non sono stati annunciati neanche dagli organizzatori".

Il colpo di genio è nella spiegazione fornita dalla rappresentanza nordamericana.

Infatti, Washington ha spiegato che la pubblicazione delle mappe e dei percorsi delle manifestazioni pro Navalny è stata fatta per tutelare la loro sicurezza, dal momento che non erano autorizzate.

Queste spiegazioni non hanno soddisfatto Mosca. Come dargli torto?

Immaginate quali sarebbero state le reazioni dei nostri media e politici se in Italia l'ambasciata russa, cinese, venezuelana, iraniana, avessero pubblicato i percorsi di una manifestazione, con la spiegazione di tutelare i propri cittadini all'estero?

Ci sarebbe stato tutto un coro sulle inaccettabili interferenze...

Angelo Brunetti

Angelo Brunetti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti