Nave da guerra USA entra in acque indiane senza consenso. Messaggio all'India per gli S-400?

Nave da guerra USA entra in acque indiane senza consenso. Messaggio all'India per gli S-400?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La rinnovata postura aggressiva degli Stati Uniti non è visibile solo nel Mar Nero dove navi da guerra provenienti da Washington sono in arrivo come chiaro segno di minaccia nei confronti della Russia in riferimento alle crescenti tensioni nel Donbass a causa delle provocazioni ucraine.

Gli USA hanno voluto sfidare pubblicamente la rivendicazione marittima dell'India nel Mar Arabico inviando l'USS John Paul Jones (DDG 53), un cacciatorpediniere missilistico guidato, all'interno della zona economica esclusiva dell'India. 

La US Navy sostiene che il suo cacciatorpediniere afferma i diritti e le libertà di navigazione senza richiedere il previo consenso dell'India.

Il tentativo della Marina degli Stati Uniti di affermare i diritti di navigazione a circa 130 miglia nautiche a ovest delle isole Lakshadweep, all'interno della zona economica esclusiva dell'India, senza richiedere il previo consenso di Delhi, ha suscitato forti reazioni da parte di diversi osservatori indiani. 

Brahma Chellaney, pensatore strategico, editorialista e commentatore, ha affermato che una cosa è che gli Stati Uniti conducano operazioni di "libertà di navigazione" in acque contese, come nel Mar Cinese Meridionale, mentre è diverso quando azioni del genere vengono effettuate in una zona economica esclusiva di una nazione partner senza il suo consenso.

"O si tratta di un grave malinteso o una nuova amministrazione americana vuole inviare un messaggio molto spiacevole", ha detto Tenzing Lamsang, direttore di The Bhutanese.

A questo punto qualcuno inizia a pensare che l’atto compiuto dagli USA sia da mettere in relazione con la volontà palesata da Nuova Delhi di acquisire dalla Russia il sistema di difesa missilistica S-400. Un accordo da 5,43 miliardi di dollari. Il primo lotto dell’armamento russo dovrebbe arrivare in India entro la fine di quest'anno.

Kanwal Sibal, un ex ministro degli esteri indiano, ha commentato l’accaduto affermando che gli Stati Uniti dovrebbero rispettare l'ordine basato sulle regole che sostengono.

L'ex capo della Marina indiana Arun Prakash ha sottolineato che mentre l'India ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare nel 1995, gli Stati Uniti finora non l'hanno fatto.

"Che la settima flotta effettui missioni per la libertà di navigazione nella ZEE indiana in violazione della nostra legge interna è già abbastanza grave. Ma perché pubblicizzarlo?", ha sottolineato l'ammiraglio Arun Prakash.

L'ex ufficiale della Marina Abhijit Singh ha affermato che la navigazione vicino alle più "strategiche" Isole Andamane sarebbe stata molto più controversa.

il Pentagono ha difeso la US Navy affermando i suoi diritti di navigazione all'interno della zona economica esclusiva dell'India senza richiedere il permesso di Nuova Delhi, definendo la mossa "coerente con il diritto internazionale".

L'agenzia di stampa PTI ha riferito che alla domanda sulla reazione dell'India alla mossa della Marina nordamericana, venerdì il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto: "Posso dirvi che la USS John Paul Jones, un cacciatorpediniere della Marina, ha affermato i diritti di navigazione e le libertà nelle vicinanze di la Repubblica delle Maldive effettuando un passaggio innocente attraverso il suo mare territoriale in normali operazioni all'interno della sua zona economica esclusiva senza richiedere preventiva autorizzazione".

Kirby in risposta a una domanda dei giornalisti ha detto: "Questo è coerente con il diritto internazionale".

"Ancora una volta, continuiamo a mantenere il diritto, anzi la responsabilità, di volare, navigare e operare in conformità con il diritto internazionale”. 

Il ministero degli Esteri indiano ha condannato le manovre statunitensi. 
"La posizione dichiarata dell'India sulla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) è che la Convenzione non autorizza altri Stati a svolgere nella zona economica esclusiva (ZEE) e sulla piattaforma continentale, esercitazioni o manovre militari, in particolare quelli che comportano l'uso di armi o esplosivi, senza il consenso dello Stato costiero".
"La USS John Paul Jones è stata continuamente monitorata in transito dal Golfo Persico verso lo stretto di Malacca. Abbiamo trasmesso le nostre preoccupazioni riguardo a questo passaggio attraverso la nostra ZEE al governo degli Stati Uniti attraverso i canali diplomatici”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica di Antonio Di Siena Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti