Non si piega ad Israele e Stati Uniti. Il Parlamento europeo contro l'Algeria

Non si piega ad Israele e Stati Uniti. Il Parlamento europeo contro l'Algeria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Mauro Gemma - Marx XXI

Commentando la risoluzione approvata dal Parlamento europeo sul suo Paese, un portavoce del governo algerino ha criticato il "ruolo della Francia" e ha affermato che l'Algeria sta pagando il prezzo della difesa dei popoli palestinese e saharawi.

“In considerazione del fatto che il Paese nordafricano mantiene le sue nobili posizioni a favore di cause giuste, come quelle dei popoli saharawi e palestinese, e rifiuta di normalizzarsi con lo Stato sionista, che è stato molto di moda ultimamente, è e sarà il bersaglio degli attacchi dei media e critiche da mercenari di ogni tipo ", ha detto il ministro della Comunicazione e portavoce del governo algerino, Ammar Belhimer, all'Algérie Presse Service (APS).


Facendo riferimento alla risoluzione recentemente adottata dal Parlamento europeo (PE) sulla "situazione dei diritti umani" nel paese del Maghreb, Belhimer ha affermato che l'Algeria è "bombardata da un flusso continuo di attacchi verbali dalla Francia, attraverso vari canali, vale a dire il PE, le organizzazioni non governative (ONG), i social network e gli influencer parigini ”.

Non è la prima volta che gruppi di pressione che si muovono all'interno del PE hanno tentato "invano" di attaccare l'Algeria, presentando e adottando risoluzioni simili sui diritti umani e le libertà individuali, ha detto il ministro, ricordando che lo scorso anno è stata approvata una risoluzione con lo stesso contenuto. "È uno schema che si ripete alla fine di ogni anno, come se fosse un regalo o un servizio pasquale reso agli istigatori che fomentano queste lobby", ha detto, citato dal Middle East Monitor.

Criticando il "ruolo della Francia" nell'adozione della risoluzione, Belhimer ha chiesto se i valori universali che l'Unione europea sostiene con entusiasmo siano stati effettivamente liberati dall'eurocentrismo. Il ruolo svolto dalle Ong e da varie piattaforme politiche e mediatiche nell'attacco al Paese ha meritato anche il forte ripudio del ministro algerino, che le ha accusate di mentire.

«Strumento attivo per diffondere il soft power francese nel mondo»

Ammar Belhimer ha anche rivolto forti critiche all'organizzazione Reporter senza Frontiere (RSF), in merito alla posizione assunta con la risoluzione approvata in Parlamento, affermando che non si tratta di una ONG, ma di “uno strumento attivo per diffondere il soft power francese nel mondo. ».

Il ministro ha affermato che RSF riceve sostegno, in un modo o nell'altro, dall'Agenzia francese per lo sviluppo (AFD), da TV5 e TV5 Monde, oltre ad altri media e dal Ministero della Cultura francese, dal Consiglio europeo e dalla Commissione europea. , nonché dallo strumento europeo per la democrazia e i diritti umani (EIDHR).

Belhimer ha anche accusato RSF di ricevere sostegno dagli Stati Uniti, riferendosi alla Fondazione Ford, all'American Express e alla National Foundation for Democracy (NED), "che è considerata il cavallo di Troia" delle colorite rivoluzioni nel mondo ", in particolare nel mondo arabo".

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra