Nuova dichiarazione del Ministero Difesa russo sui laboratori biologici in Ucraina

Nuova dichiarazione del Ministero Difesa russo sui laboratori biologici in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le autorità ucraine hanno urgentemente distrutto gli agenti patogeni studiati nei suoi laboratori collegati al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, secondo quanto rivelato ieri dall'esercito russo, aggiungendo che tali attività suggeriscono gli scopi militari di questi studi.

Ben 30 laboratori biologici sono stati istituiti in Ucraina che stanno collaborando attivamente con l'esercito americano, ha detto lunedì il comandante della forza di difesa radiologica, chimica e biologica russa, il generale Igor Kirillov, in una conferenza stampa.

L'elenco dei partner di questi laboratori include la Defense Threat Reduction Agency (DTRA) del Pentagono e il Walter Reed Army Institute of Research (WRAIR), la più grande struttura di ricerca biomedica amministrata dalle forze armate statunitensi, ha specificato il generale.

Molti di questi laboratori sono attivi dal colpo di stato del 2014 in Ucraina e la loro comparsa nel paese ha coinciso con un picco di malattie infettive nella regione, tra cui morbillo tedesco, difterite e tubercolosi, ha precisato l'esercito russo.

Dal 24 febbraio, questi laboratori hanno iniziato a distruggere frettolosamente i materiali su cui stavano lavorando, compresi gli agenti batterici e virali altamente patogeni, ha detto Kirillov, aggiungendo che Mosca ha ottenuto documenti relativi a quel processo.

L'analisi dei documenti mostra che i laboratori stavano lavorando con infezioni pericolose come l'antrace e la peste. "L'assortimento e l'eccessiva quantità di agenti biologici suggeriscono che il lavoro svolto in questi laboratori fosse stato parte di alcuni programmi biologici militari", ha affermato il generale, aggiungendo che solo uno di questi laboratori nella città di Lvov, nell'Ucraina occidentale, aveva distrutto altrettanti come 320 contenitori con agenti patogeni che causano peste, febbre di palude e febbre di Malta, tra gli altri.

"Se queste raccolte dovessero cadere nelle mani degli esperti russi, molto probabilmente proveranno che l'Ucraina e gli Stati Uniti hanno violato la Convenzione sulle armi biologiche", ha affermato Kirillov, aggiungendo che "questo è l'unico motivo che può spiegare la frettolosa distruzione” di quei materiali.

Il generale ha anche espresso la sua preoccupazione per il fatto che tutto il materiale biologico necessario per il proseguimento del presunto programma biologico militare fosse già stato trasportato negli Stati Uniti.

Kiev ha negato lo sviluppo di armi biologiche e Washington non ha commentato finora le dichiarazioni militari russe.

Mosca lancia l'allarme da tempo sulle attività dei laboratori biologici finanziati dagli Stati Uniti situati negli ex stati sovietici. In precedenza, ha indicato il Lugar Research Center - un laboratorio finanziato dagli Stati Uniti in Georgia - come un luogo in cui vengono condotti alcuni pericolosi esperimenti.

All'epoca il Pentagono respinse accuse come una "campagna di disinformazione russa".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti