Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Santoianni - Avanti.it


Davvero vergognosa su Wikipedia la trasformazione della voce “Strage di Odessa”(definita fino a pochi mesi fa: “un massacro avvenuto il 2 maggio 2014 ad Odessa presso la Casa dei Sindacati, in Ucraina, ad opera di estremisti di destra, neonazisti e nazionalisti filo occidentali ucraini ai danni dei manifestanti sostenitori del precedente governo filo russo”) in un “Rogo di Odessa” (“un incendio verificatosi a seguito di violenti scontri armati fra fazioni di militanti filo-russi e di sostenitori del nuovo corso politico ucraino”. Un travisamento del passato già descritto nel romanzo “1984” di George Orwell dove il “lavoro” del protagonista al Ministero della Verità era tagliar via e sostituire da giornali ed enciclopedia notizie scomode al regime. Attività oggi svolta su Internet dove, ad esempio, su Google risultano irraggiungibili notizie inerenti i crimini delle guerre condotte dalla Nato mentre su Internet viene negato l’accesso a siti di informazione russi.

Contro questa cancellazione della memoria, l’impegno di una compagna di Odessa – Olga Ignatieva – tra i pochi sopravvissuti alla strage, che sta completando un libro-inchiesta che, anche attraverso numerose testimonianze, ricostruisce la strage e la dinamica che l’ha determinata. L’abbiamo intervistata durante una iniziativa, tenutasi a Napoli, per far partire un movimento contro la guerra che, in Italia, stenta a decollare.

"Non è stato affatto un “incendio nato accidentalmente” come oggi vogliono far credere. La strage era stata pianificata da tempo. Basti dire che, ore prima del lancio delle molotov veniva interrotta nell’edificio l’erogazione dell’acqua e dell’elettricità e che i criminali nazisti che vi hanno fatto irruzione per uccidere i pacifici manifestanti già conoscevano perfettamente gli interni.

Tu come hai fatto a salvarti?

Prima che fosse appiccato l’incendio, la strage era già stata “preparata”, con l’uccisione - nel centro città, tramite cecchini mimetizzati sui tetti - di due attivisti “pro-Maidan” almeno 4 attivisti “anti-Maidan” e innumerevoli poliziotti. E questo per far salire la tensione e, quasi, “giustificare” l’incendio della Casa dei sindacati con tante persone dentro.

Nonostante ciò, ad aiutarmi ad uscire dall’edificio in fiamme e inondato dal fumo di copertoni lì messi a bruciare e da uno strano gas, sono stati proprio alcuni attivisti “pro Maidan” di Odessa inorriditi da quello che stavano facendo le bande di criminali nazisti. Criminali nazisti, fatti giungere da Kiev e da altre città ucraine, mimetizzati come “tifosi” arrivati per una partita di calcio. Criminali nazisti che, appiccato l’incendio, sparavano e lanciavano bottiglie incendiarie contro gli occupanti della Casa dei sindacati che cercavano di mettersi in salvo.  

E tutto questo era documentato da video, realizzati quasi tutti dagli assalitori e messi su Youtube. Video rimossi nel febbraio di quest’anno. Anche per questo ho messo su un crowfunding per recuperare le documentazioni originali di questo crimine, raccogliere testimonianze e pubblicare un libro.


Quale è stata la reazione della popolazione non russofona di Odessa davanti alla strage?

Odessa, la mia città, è una città meravigliosa dove, da secoli, convivono pacificamente numerose etnie, inclusi gli Italiani. Un mosaico di culture che ha cominciato ad incrinarsi già nel 2004 con il tentato colpo di stato aizzato dagli Usa che già pretendeva di mettere al bando la lingua russa, così come è stato nel 2015. Una assurdità considerando che la stragrande maggioranza della popolazione in Ucraina usa comunemente la lingua russa o il cosiddetto “Suržik” (un idioma di russo, ucraino e chissà quante altre lingue il cui termine significa letteralmente “pane impastato con diversi cereali”). In realtà, il vero scopo della proibizione della lingua russa è il voler fare dimenticare la Storia e identificare la Russia come responsabile della miseria nella quale è precipitato il mio Paese dopo la dissoluzione dell’Unione sovietica. Un inganno, purtroppo, fatto proprio da alcuni, non certo la maggioranza, di miei connazionali che credono che solo asservendoci completamente agli Usa e all’Unione europea potremmo risalire la china.



Quale è stata la tua esperienza dopo la strage alla Casa dei sindacati?

Dopo la strage, licenziata dal lavoro, per un anno e mezzo, ho dovuto subire le persecuzioni dell’SBU, inclusi interrogatori con la “macchina della verità”. Infine sono scappata in Italia dove, dopo un anno, ho ottenuto lo status di “rifugiata”. Fino al febbraio di quest’anno, qui, mi sentivo circondata dalla solidarietà della gente; poi con la valanga di falsità diffuse dai media sulla “guerra di Putin” molto è cambiato. E, ancora oggi c’è chi mi crede una “quinta colonna del Cremlino” solo perché denuncio un crimine impunito.

 

 

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente