/ ONU: 16.000 civili uccisi nella guerra saudita contro lo Yemen

ONU: 16.000 civili uccisi nella guerra saudita contro lo Yemen

 

Circa 16.000 civili sono stati uccisi nello Yemen da quando l'Arabia Saudita e i suoi alleati hanno lanciato, nel marzo 2015, un'aggressione contro questo paese arabo, secondo l'Onu.


L'aggressione saudita contro lo Yemen ha provocato oltre 65.000 morti e feriti e questo numero continua ad aumentare, afferma l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) in un rapporto pubblicato ieri.
 
Secondo il nuovo bilancio, tra agosto e ottobre 2018, sono state segnalate circa 1.500 vittime civili, una cifra che rappresenta una media di 123 morti e feriti ogni settimana durante questo periodo.
 
"Ogni nuovo giorno di conflitto provoca più sofferenza a una popolazione civile malconcia ed esausta", ha dichiarato Shabia Mantoo, una portavoce dell'UNHCR, che ha esortato le parti coinvolte nel conflitto a dare priorità alla protezione della cittadinanza rispetto a qualsiasi interesse politico o militare e lavorare per una "risoluzione pacifica".

 
Mantoo, inoltre, ha spiegato che, negli ultimi tre mesi, 336 persone sono morte o sono state ferite nelle loro case, mentre 123 vittime sono cadute negli attacchi contro i centri medici. Le bombe saudite su autobus e veicoli hanno provocato 316 vittime, ha aggiunto.
 
Il 33% delle persone colpite sono donne e bambini, 217 dei quali sono stati uccisi e 286 feriti, ha precisato.
 
Questo rapporto viene alla luce in un momento in cui, a Stoccolma, i colloqui di pace sullo Yemen sono in corso da giovedì scorso. L'Organizzazione delle Nazioni Unite, che sponsorizza i negoziati, sottolinea che questi dialoghi sono un'opportunità unica.
 
Fonte: UNHCR
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa