Oxfam: 5 milioni di palestinesi aspettano. "Vergognoso" accordo sull'esportazione di Israele

Oxfam: 5 milioni di palestinesi aspettano. "Vergognoso" accordo sull'esportazione di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oxfam lo definisce un accordo "vergognoso" quello di Israele che prevede di esportare i vaccini in eccedenza ad altri paesi, mentre milioni di palestinesi devono aspettare le loro dosi.

In risposta ad un annuncio del regime israeliano circa la spedizione di un surplus di vaccini anti-COVID-19 in Repubblica Ceca, Ungheria, Honduras e Guatemala, mentre in Palestina è stata bloccata la consegna del vaccino russo contro il nuovo coronavirus, la direttrice ad interim dell'organizzazione umanitaria britannica Oxfam nei territori palestinesi occupati, Dina Jibril, ha descritto tale azione come un atto "vergognoso".

LEGGI: Giulio Tarro in collaborazione con Francesco Santoianni:Emergenza Covid. Dal lockdown alla vaccinazione di massa. Cosa, invece, si sarebbe potuto - e si può ancora - fare.

"L'accordo di Israele di scambiare i vaccini in eccedenza con i voti delle Nazioni Unite [ONU] e le ambasciate è vergognoso, mentre la stragrande maggioranza dei quasi 5 milioni di palestinesi che vivono in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza stanno aspettando il vaccino che potrebbe salvare vite umane", ha ricordato Jibril.

Secondo Jibril, questo comportamento del regime di Tel Aviv è un altro esempio del rifiuto di Israele di adempiere ai suoi obblighi legali, come potenza occupante, nonché di prestare attenzione agli imperativi morali e di salute pubblica per garantire che tutti i palestinesi abbiano accesso a servizi di base adeguati, compresa l'assistenza medica.

In questo senso, la direttrice di Oxfam ha esortato il regime israeliano a "dirigere" i suoi sforzi per garantire una campagna di vaccinazione "gratuita e urgente" per tutti i palestinesi.

Allo stesso modo, si è scagliata contro Israele per aver messo in pericolo la salute dei palestinesi e dato la priorità alla politica rispetto al popolo. "Questo pensiero a breve termine danneggia anche gli interessi a lungo termine di Israele", ha aggiunto la nota di Oxfam.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti