Palestina, Basem Naim (Hamas): «Cooperazione con la Turchia per ottenere indipendenza e sovranità»

Palestina, Basem Naim (Hamas): «Cooperazione con la Turchia per ottenere indipendenza e sovranità»

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

di Onur Sinan Güzaltan - uwidata

Abbiamo parlato con uno dei dirigenti di Hamas, membro dell'Ufficio internazionale dell'organizzazione e presidente del Consiglio per le relazioni internazionali (CFR) a Gaza, il dottor Basem Naim, delle elezioni in Palestina, delle relazioni turco-israeliane, della possibile cooperazione tra Turchia e Palestina nel Mediterraneo orientale e della situazione nella regione in generale.

Basem Naim ha considerato la richiesta israeliana alla Turchia di espellere tutti i dirigenti di Hamas per ottenere la normalizzazione come una forma di ricatto, dato che Tel Aviv afferma ancora che sono pronti per una cooperazione con la Turchia nel Mediterraneo orientale.

Naim ha anche affermato che le organizzazioni terroristiche che operano nel nord della Siria, come il PKK/YPG, agiscono parallelamente ai piani israeliani nella regione.

Il presidente Mahmoud Abbas ha annunciato le elezioni in Palestina dopo quasi 14 anni. Quale sarà la strategia di Hamas per le elezioni? Pensa che sia possibile una riconciliazione tra Hamas e Fatah?

Hamas crede nella democrazia e nelle elezioni come strumento per riflettere la volontà del popolo, il suo diritto di scegliere la propria leadership e il programma politico.

Hamas incoraggia e facilita qualsiasi passo politico, ma pratica anche il processo democratico all'interno del movimento.

Adesso Hamas sta conducendo le proprie elezioni interne per scegliere una nuova leadership nella Striscia di Gaza, in Cisgiordania e nella diaspora.

Pertanto, la partecipazione alle elezioni, sostenendo e facilitando questo processo, fa parte delle nostre convinzioni politiche.

Quando si tratta di elezioni palestinesi e dell'annuncio di decreti presidenziali, speriamo che questi decreti presidenziali rappresentino il passo finale di tutto il lungo processo di riconciliazione alla fine del dialogo tra palestinesi per raggiungere l'unità e porre fine alla divisione.

Ma sfortunatamente non siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo attraverso il dialogo.

Ci siamo incontrati in diverse capitali al Cairo, a Istanbul, a Doha, a Mosca… ma non siamo riusciti a raggiungere una riconciliazione attraverso il dialogo.

Nonostante il nostro fallimento nel raggiungere l'unità attraverso il dialogo, consideriamo l'annuncio delle elezioni un passo nella giusta direzione.

Non possiamo dire oggi di avere tutti gli ostacoli e tutte le sfide alle spalle: dobbiamo superare molti ostacoli e sfide in vista delle prossime elezioni.

Parte di questa sfida riguarda le elezioni a Gerusalemme, la posizione e l'atteggiamento della comunità internazionale nei confronti delle elezioni… Quanto sono disposte a rispettare e accettare i risultati e ad essere sicuri che il processo si svolga in un clima giusto e trasparente?

La parte israeliana chiede alla Turchia di sospendere il suo sostegno ad Hamas come condizione per la normalizzazione tra Turchia e Israele. Come valuta questa richiesta da parte di Israele?

Alcuni dei leader di Hamas sono in Turchia, vi sono arrivati dopo un accordo sui prigionieri nel 2011.

La leadership di Hamas è seriamente consapevole dei limiti, delle regole, dei regolamenti e delle leggi turche. Loro sanno dove vivono e lo rispettano pienamente e cercano di evitare di creare problemi alla Turchia.

Dall'altro lato, le richieste israeliane sono una specie di ricatto. Non sono un riflesso della realtà, ma piuttosto la necessità degli israeliani di alzare il prezzo per una normalizzazione delle relazioni tra Turchia e Israele.

Israele sa che nessuna attività militante è condotta da Hamas in Turchia contro Israele.

Pertanto, Hamas condanna la richiesta. Lo consideriamo un ricatto.

Israele è l'ultimo a poter parlare di terrorismo, aggressione e razzismo. Quello che stanno facendo 24 ore e 7 giorni alla settimana contro i palestinesi in Cisgiordania, confiscando la terra, demolendo le case, arrestando le persone, compresi bambini e donne e assediando due milioni di persone nella Striscia di Gaza, è il vero terrorismo secondo legge internazionale.

Voglio aggiungere che Hamas apprezza i grandi sforzi della Turchia e il suo sostegno storico alla causa palestinese, indipendentemente da chi guida la Palestina, che sia Fatah o Hamas o chiunque altro.

Hamas apprezza il forte impegno della Turchia in generale, del suo presidente e del suo governo per la causa palestinese.

Grandi sforzi sono stati compiuti dalle ONG turche per aiutare la nostra gente ad affrontare molte difficoltà sul campo in Cisgiordania, a Gerusalemme e nella Striscia di Gaza.

Se tutto va bene, potremo ricevere le nostre sorelle e i fratelli turchi in sicurezza, in una Palestina indipendente.

La Turchia, la Russia e l'Iran stanno collaborando per trovare soluzioni a diverse crisi nella regione, ad esempio in Siria. Pensa che l'iniziativa turco-russo-iraniana possa svolgere un ruolo positivo per la lotta palestinese?

Certo, qualsiasi cooperazione nella regione e porre fine a queste futili e senza senso guerre e controversie tra i diversi paesi è a favore della causa palestinese e contro i processi israeliani per penetrare in questi paesi e nella regione per continuare ad attuare i loro piani malvagi contro i musulmani.

Pertanto, siamo sempre felici di vedere i paesi della regione cooperare. Stiamo incoraggiando qualsiasi passo di unità o cooperazione. Siamo pronti ad aiutarti.

Secondo il diritto internazionale, la Palestina ha diritti sul gas del Mediterraneo attraverso Gaza. La Turchia è attiva anche nella regione adiacente. Ritiene possibile una cooperazione tra Turchia e Palestina su questo argomento?

Sì, certo... Le nostre risorse naturali, non solo nel mare ma anche nel suolo e nell'aria, vengono rubate dall'occupazione israeliana. Parte di queste risorse è il gas nel Mar Mediterraneo.

Pertanto, stiamo cercando qualsiasi cooperazione o sostegno con i paesi della regione e in primo luogo dalla Turchia per ottenere i nostri diritti sul gas e altre risorse e per raggiungere materialmente la nostra indipendenza e sovranità.

Come valuta i recenti eventi in Siria, in particolare i continui attacchi di Israele, l'embargo degli Stati Uniti e le forze di occupazione statunitensi nel nord-est del paese? Stiamo assistendo alla pressione USA-Israele per un secondo Israele sotto l'etichetta di Kurdistan autonomo?

Sì, stiamo seguendo seriamente gli attacchi e l'aggressione israeliani contro i paesi vicini, in particolare Siria e Libano.

Hamas considera questa aggressione israeliana come una grave violazione del diritto internazionale e terrorismo di Stato. Condanniamo tutti questi attacchi e li valutiamo come parte del piano di Israele per distruggere ogni possibilità che i paesi della regione possano lottare per contrastare i piani sionisti nella regione.

Non escludiamo che uno degli scopi o degli obiettivi di questi attacchi sia rafforzare alcuni gruppi curdi per stabilire uno Stato curdo indipendente nel nord della Siria come parte dei piani israeliani per frammentare la regione e incoraggiare le guerre tra diversi gruppi etnici. Ci auguriamo che tutti i musulmani arrivino a comprendere che queste guerre interne o interstatali sono futili e disastrose. Sono solo utili alla trama sionista nella regione e sprecano il nostro tempo, le nostre risorse e le nostre vite mentre servono i nemici del nostro popolo.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti