Perché il RCEP, guidato dalla Cina, può essere una cattiva notizia per gli esportatori di energia USA

Perché il RCEP, guidato dalla Cina, può essere una cattiva notizia per gli esportatori di energia USA

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il più grande accordo di libero scambio al mondo - un blocco guidato dalla Cina che unisce 15 economie dell'Asia-Pacifico e rappresenta quasi  un terzo della popolazione mondiale e il 29% del PIL mondiale - "potrebbe essere una cattiva notizia per Esportatori di energia dagli Stati Uniti ", afferma Ariel Cohen , esperto di politica energetica e di sicurezza di fama internazionale , nel suo articolo per Forbes.

Il Regional Comprehensive Economic Association (RCEP), firmata il 15 novembre scorso, riunisce i 10 membri dell'ASEAN, oltre a Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda. Le materie prime, in particolare i combustibili fossili come petrolio, carbone e gas naturale, "giocheranno un ruolo centrale in questa organizzazione commerciale senza precedenti".

Allo stesso tempo, "gli operatori energetici statunitensi  - che sono stati fortemente colpiti dalla guerra commerciale del presidente Trump con la Cina" - oggi  sono "ai margini del commercio transpacifico", scrive l'esperto, che funge da direttore dell'International Market Analysis Ltd., una società di consulenza specializzata in energia, risorse naturali, rischio politico e affari pubblici, con sede a Washington DC.

La situazione attuale è aggravata dal fatto che il RCEP mira a eliminare le tariffe sul 90% delle materie prime scambiate all'interno del blocco e a rafforzare le importazioni di beni energetici. Le quote verranno gradualmente eliminate tra i membri nei prossimi 10 anni, con alcune eccezioni, che rimarranno in vigore fino al 2040.

Se il RCEP rafforza i legami commerciali e alla fine riduce i dazi all'importazione regionali, potrebbe essere difficile per gli importatori di energia statunitensi mantenere la loro quota nei mercati del Giappone e della Corea del Sud. Inoltre, sarebbe difficile per Washington riavviare le sue esportazioni di gas naturale liquefatto (GNL) in Cina, se le restrizioni commerciali imposte dall'amministrazione Trump fossero modificate, cosa che potrebbe accadere se Joe Biden assumesse la presidenza degli Stati Uniti. 

 

Prospettive degli Stati Uniti sui "mercati asiatici affamati di energia"

Il programma elettorale del candidato democratico includerebbe, all'apparenza, un ritorno al multilateralismo, in netto contrasto con le politiche isolazioniste del presidente Trump, che potrebbero aiutare il commercio degli Stati Uniti, mentre la dura politica dell'attuale inqulino della Casa bianca sulla Cina offre un margine di manovra limitato per Biden nel breve periodo.

Inoltre, l'agenda di Biden sul clima richiede il  divieto di nuove perforazioni nelle terre e nelle acque federali, il che limiterebbe "le opportunità degli Stati Uniti di esportare idrocarburi verso i mercati asiatici assetati di energia". Se così fosse, "quella nicchia sarebbe occupata da membri del RCEP, come Australia, Indonesia e Vietnam, nonché da produttori del Medio Oriente", avverte l'esperto.

In conclusione, Cohen osserva che una crescita sostenuta nella regione Asia-Pacifico "potrebbe aiutare gli Stati Uniti a rimanere un importante esportatore di GNL e carbone per gli anni a venire", ma "molto dipenderà dal focus economico e politico dell'amministrazione Biden verso la China."

 

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti