Perché l'Occidente si sta intromettendo nelle imminenti elezioni legislative russe?

Perché l'Occidente si sta intromettendo nelle imminenti elezioni legislative russe?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sono emerse prove esplosive che confermano l'ingerenza occidentale nelle imminenti elezioni legislative russe. Il giornalista di RT Murad Gazdiev ha condiviso su Twitter un filmato dell'agente straniero Golos (ONG), finanziato dall'Occidente, che si nasconde dietro la facciata poco convincente di essere osservatore elettorale, mentre afferma in una riunione che “il nostro compito è dimostrare che queste elezioni sono illegittime... Sfortunatamente, ci sono poche violazioni… Quindi abbiamo istruzioni scritte per farvi espellere tutti dai seggi elettorali, per dimostrare che queste elezioni sono illegittime”.

Questo coincide con quanto dichiarato alla stampa dal ministro degli Esteri russo Lavrov: “I funzionari russi stanno aspettando una risposta dopo aver presentato all'ambasciatore statunitense un dossier su tentativi statunitensi di interferire nelle prossime elezioni del paese", secondo quanto riporta RT.

Questa operazione di ingerenza ha lo scopo di screditare il prossimo voto al fine di aumentare la pressione sulla Russia indipendentemente dal fatto che il partito al governo ‘Russia Unita’ vinca o meno. Non modellerà molto realisticamente il risultato, quindi si può concludere che il suo scopo è più sulla gestione della percezione che su qualsiasi altra cosa. Non è chiaro se ci saranno sanzioni dopo le elezioni, ma questi sforzi per lo meno potrebbero rallentare qualsiasi possibile disgelo tra la Russia e l'UE dopo il completamento del Nord Stream II.

Il tipico “argomento di discussione" che la maggior parte dei commentatori di Alt-Media potrebbe fare è che tutto ciò mostra l'ipocrisia delle precedenti accuse dell'Occidente di ingerenza russa nei propri processi democratici, ma c'è molto di più in questo. I mezzi stessi meritano di essere prestati più attenzione rispetto all'ottica. Dai tre esempi citati si evince che un agente della Nato che operava sotto la copertura di un attivista anticorruzione è stato misteriosamente avvelenato e poi è tornato deliberatamente a casa per essere arrestato allo scopo di provocare uno scandalo.

Questo è stato poi sfruttato come pretesto per incoraggiare i suoi sostenitori, compresi i minori fuorviati, a scendere in piazza per manifestazioni non autorizzate. Il punto nel farlo non era realizzare una Rivoluzione Colorata poiché uno scenario del genere era impossibile da realizzare in quel contesto, ma semplicemente catturare filmati della risposta dei servizi di sicurezza alle loro provocazioni e quindi propagarne modifiche decontestualizzate al fine di aggiungere carburante alla campagna di infowar volta a screditare il processo politico della Russia.

In seguito a ciò, Big Tech ha deliberatamente violato le normative russe al fine di generare quanti più titoli possano essere inventati per portare avanti la falsa narrazione su Mosca che sta "reprimendo la libertà di parola" o qualsiasi altra cosa. Allo stesso tempo, rendendosi conto che il processo democratico della Russia è molto più solido di quanto molti dei suoi stessi agenti fossero portati a credere, a uno degli agenti stranieri più influenti a livello internazionale nel paese è stato ordinato di dire ai suoi uomini di farsi espellere dai seggi elettorali per provocare uno scandalo.

Nessuno di questi passi viene eseguito a vuoto, ma sono componenti di una più ampia sequenza di eventi che possono essere descritti come parte del processo della guerra ibrida. In questo particolare contesto, si tratta di azioni intraprese non per rovesciare il governo e/o influenzare i suoi oppositori a prendere le armi contro le autorità e quindi diventare terroristi come è successo in Ucraina, Siria, Libia e altrove, ma avviene ai fini dell’infowar.

Non si tratta solo di screditare il governo russo agli occhi dell'opinione pubblica occidentale, ma anche di screditare quelli dei propri leader che sperano di avere legami pragmatici con Mosca. Dal punto di vista della persona media indottrinata con le narrazioni di guerra dell'informazione occidentale sulla Russia, coloro che rompono i ranghi con l'Occidente parlando della necessità di cooperare con la Russia nel perseguimento di interessi condivisi sono "traditori" e forse anche "agenti russi".

Condizionare l’opinione pubblica a credere questo sui propri leader democraticamente eletti ha lo scopo di facilitare gli sforzi dei loro oppositori nelle burocrazie militari, di intelligence e diplomatiche permanenti di quei paesi (“Stato profondo") che potrebbero quindi cercare di esercitare pressioni contro tali figure attraverso Hybrid War, ad esempio organizzando proteste simili a Rivoluzioni Colorate contro di loro o almeno campagne diffamatorie. Il punto è fare pressione sui governi occidentali affinché si attengano alla linea sulla Russia. 

Le dinamiche ideologiche della Nuova Guerra Fredda sono tali che Russia e Occidente si trovano su fronti opposti rispetto a come trattano i propri cittadini. La prima crede che dovrebbero avere la possibilità di vivere la propria vita come vorrebbero, purché ciò sia fatto in modo responsabile senza violare i diritti degli altri, mentre i secondi sono ossessionati dall'imporre loro stili di vita iper-liberali. L'unica difesa dell'Occidente della sua crociata ideologicamente folle contro i propri cittadini è che suppone che sia una “democrazia” mentre la Russia è una “dittatura”.

Questa è chiaramente un'affermazione falsa, come evidenziato dal filmato del signor Gazdiev che conferma che uno degli agenti stranieri più influenti dell'Occidente in Russia riconosce di non poter denigrare in modo credibile il processo democratico del paese, perché la loro narrativa utilizzata come un’arma è diventata sempre più separata dalla realtà e basata sul processo della guerra ibrida che è stato descritto in precedenza. L'Occidente quindi non sta solo conducendo una guerra ibrida contro la Russia, ma anche nelle menti dei suoi stessi popoli. 

Questo viene fatto nel disperato tentativo di tenere sotto controllo i propri critici, indottrinando le masse e poi dissuadendo quei pochi leader coraggiosi che li rappresentano dal rompere i ranghi con l'Occidente. Tuttavia, alcuni leader parlano della della necessità di cooperare pragmaticamente con la Russia su alcune questioni come l'energia, i vaccini e il cambiamento climatico. 

La conclusione di tutto ciò è che le dinamiche ideologiche della Nuova Guerra Fredda si stanno spostando a favore della Russia mentre sempre più occidentali iniziano a mettere in discussione le politiche controproducenti dei loro governi nei confronti della Grande Potenza Eurasiatica. Questo spiega la disperazione con cui i loro “Stati profondi" stanno cercando di screditare Mosca nelle menti della loro stessa gente in un ultimo disperato tentativo di salvare la loro campagna di lavaggio del cervello che va avanti da anni. Un vero disgelo nelle relazioni potrebbe essere ancora rinviato, ma è inevitabile.

Articolo pubblicato in inglese su One World

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti