PNRR, Dombrovskis sul Financial Times: "Se le riforme si bloccano, niente soldi"

PNRR, Dombrovskis sul Financial Times: "Se le riforme si bloccano, niente soldi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Se qualcuno aveva ancora dei dubbi sul fatto che i fondi in arrivo da Bruxelles per la ripresa post-pandemica siano legati a condizionalità o meno, le parole del vicepresidente della Commissione europea, fanno chiarezza. Nel caso i paesi non dovessero realizzare le riforme richieste, vedi alla voce riforme strutturali, Bruxelles può procedere alla sospensione dei pagamenti. 

Insomma, nulla di nuovo sotto al plumbeo cielo europeo. Si vogliono perpetuare quelle fallimentari politiche che hanno ridotto alla stremo un intero continente. 

Queste le parole di Dombrovskis tratte dal Financial Times: “Il sistema che abbiamo messo in piedi è un sistema robusto, che garantirà un uso corretto di questo finanziamento dell'UE”, quindi l’Unione Europea sarà vigile e pronta a sospendere i pagamenti a quei governi che dovessero avere l’idea di allontanarsi dal neoliberismo dominante nel Vecchio Continente. "Ci sono criteri piuttosto rigidi”, ha aggiunto il politico lettone. 

Quindi all’ordine del giorno ci sono tagli pensionistici, riforme peggiorative per il mondo del lavoro, tagli al welfare e così via. “Se alcune riforme si bloccano, se qualche progetto di investimento non sta andando avanti per qualsiasi motivo, questa parte del denaro non scorre”. Niente ‘riforme’, niente denaro. Il concetto è ripetuto fino allo sfinimento da Dombrovskis: “"L'esborso di denaro è direttamente collegato al progresso delle riforme e degli investimenti". [...] "Inizialmente, con i piani di molti Stati membri, abbiamo visto che non c'era sufficiente attenzione alle riforme e che le raccomandazioni specifiche per paese non venivano indirizzate in misura soddisfacente”. 

Se il quadro è questo, possiamo dire tempi bui attendono i popoli europei che sono costretti a languire sotto il tallone di ferro (neoliberista) dell’Unione Europea. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti