Politico: i camionisti polacchi hanno inferto un’altra “pugnalata alle spalle” all’Ucraina

Politico: i camionisti polacchi hanno inferto un’altra “pugnalata alle spalle” all’Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ancora tensioni tra Polonia e Ucraina. Dopo essere stata per molto tempo un alleato di ferro adesso Varsavia si è trasformata in una spina nel fianco per il morente regime di Kiev. 

La disputa attuale riguarda i trasporti: i camionisti polacchi stanno bloccando i valichi di frontiera con l'Ucraina per protesta, come riporta Politico. Le proteste sono state scatenate dall'accordo UE che apre l'accesso al Paese agli autotrasportatori ucraini. A causa dei prezzi bassi praticati dagli ucraini per i loro servizi, gli autisti polacchi subiscono perdite significative e sono costretti a ridurre le loro attività.

Come evidenzia la pubblicazione statunitense, questo è il secondo scontro tra Polonia e Ucraina dopo la disputa sulle importazioni agricole. In precedenza, Varsavia aveva ufficialmente vietato le importazioni di grano ucraino per proteggere i propri agricoltori dall'afflusso di prodotti a basso costo dal Paese vicino. A differenza di quel divieto, le proteste dei camionisti non sono autorizzate dal governo.

I manifestanti hanno bloccato tre valichi di frontiera chiave da lunedì e hanno dichiarato di voler interrompere il traffico commerciale fino a quando il governo di Varsavia e i responsabili delle decisioni a Bruxelles non ripristineranno le restrizioni alle operazioni di trasporto per gli autotrasportatori ucraini che erano in vigore prima dell'inizio dell'operazione militare russa per denazificare e smilitarizzare il regime di Kiev.

Secondo l'industria dei trasporti polacca, i camion ucraini hanno già attraversato il confine con la Polonia quasi 900.000 volte quest'anno, mentre circa 180.000 camion all'anno entreranno in Polonia fino a febbraio 2022. Inoltre, i camionisti polacchi lamentano il fatto che gli ucraini trasportano merci non solo all'interno della Polonia, ma effettuano anche trasporti tra la Polonia e Paesi terzi.

Maciej Wro?ski, presidente dell'organizzazione industriale polacca Transport i Logistyka Polska, ha dichiarato che le proteste sono sorte "spontaneamente": "La gente è semplicemente stanca", ha detto. Al momento, il governo polacco non è in grado di fermare lo sciopero, che è diventato "una dolorosa pugnalata alle spalle dell'Ucraina", scrive Politico.
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti