Pompeo: "È maledettamente difficile tenere unita l'opposizione venezuelana. Almeno 40 vogliono il posto di Maduro"

Pompeo: "È maledettamente difficile tenere unita l'opposizione venezuelana. Almeno 40 vogliono il posto di Maduro"

Secondo un audio ottenuto dal Washington Post, il il Segretario di Stato USA ha rivelato che non meno di 40 personalità politiche dell'opposizione vogliono la presidenza del paese sudamericano.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha ammesso che il "dilemma" degli Stati Uniti ovvero, "tenere insieme l'opposizione [venezuelana] si è rivelata maledettamente difficile", secondo un clip audio ottenuto da The Washington Post.


 
Secondo il quotidiano americano, il funzionario ha spiegato che nell'opposizione del Venezuela c'è "più di quaranta persone" che vogliono prendere il posto del presidente Nicolas Maduro.
 
"Nel momento in cui Maduro se ne va, tutti alzeranno le mani e [diranno]: 'Prendimi, sono il prossimo presidente del Venezuela'", ha detto Pompeo nel corso di un incontro tenutosi la scorsa settimana con leader ebrei.
 
Pompeo ha anche spiegato che mantenere la coesione dell'opposizione è un problema per lui dal giorno in cui è diventato direttore della CIA. Per risolvere questo ostacolo, il funzionario ha spiegato che dall'Amministrazione Donald Trump cercano di sostenere le istituzioni religiose affinché "l'opposizione possa unirsi".
 
Leadership "tenue"
 
Allo stesso modo, il Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti hanno "impiegato molto tempo" per consolidare il sostegno all'interno dei ranghi dell'opposizione attorno al deputato dell'opposizione Juan Guaidó, che Washington riconosce come "presidente in carica" ??del Venezuela.
 
Tuttavia, il funzionario ha confessato che la situazione con il parlamentare "è ancora debole".
 
Le dichiarazioni di Pompeo arrivano quando i vari settori dell'opposizione venezuelana hanno espresso pubblicamente le loro divergenze, specialmente dopo il secondo round di colloqui in Norvegia tra il governo venezuelano e gli inviati di Guaidó.
 
In questo contesto, le nuove crepe nel opposizione venezuelana si concentrano sul dilemma se per sostenere una possibile elezione, e anche promuovere o respingere il processo di dialogo a Oslo, in cui le parti hanno dimostrato la loro "volontà di andare avanti" sulla ricerca una soluzione alla crisi, che include solo "questioni elettorali", come riportato dal governo norvegese in una dichiarazione.
 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti