Post Covid-19. Le "cicatrici durature" sull'economia globale

Post Covid-19. Le "cicatrici durature" sull'economia globale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Allo stesso modo in cui alcuni pazienti che superano il COVID-19 hanno sintomi di lunga durata, l'economia globale continuerà a vedere effetti negativi "una volta che il rimbalzo a forma di V di quest'anno svanire", secondo un'analisi del portale Bloomberg .

Secondo la pubblicazione, mentre lo stimolo da 26 trilioni di dollari e l'arrivo dei vaccini hanno indotto "una ripresa più rapida" di quanto molti prevedessero, "l'eredità dell'istruzione rachitica, la distruzione di posti di lavoro, alcuni livelli di debito in tempo di guerra e le crescenti disuguaglianze tra le razze, i sessi, le generazioni e le aree geografiche lasceranno cicatrici durature, la maggior parte delle quali nelle nazioni più povere".

Effetti che "durano decenni"

Il professore assistente Vellore Arthi dell'Università della California, ad Irvine, che ha esaminato l'impatto sulla salute e l'economia a lungo termine delle crisi passate, spiega che, mentre "è molto facile dopo un anno faticoso, o più, sentirsi davvero sollevati che le cose sono tornati alla normalità, "molti degli effetti che storicamente vediamo spesso" durano decenni e non sono facilmente affrontabili ".

In totale, il calo del prodotto interno lordo dello scorso anno è stato il più grande dalla Grande Depressione, equivalente a 255 milioni di persone con un lavoro a tempo pieno, secondo le stime dell'Organizzazione internazionale del lavoro. 

Nel frattempo, i ricercatori del Pew Research Center stimano che la classe media mondiale si sia contratta per la prima volta dagli anni '90.

" Tornare allo standard pre-covid richiederà tempo " , conferma Carmen Reinhart, capo economista della Banca mondiale, sottolineando che le conseguenze del coronavirus "non saranno invertite" in molti paesi.

In effetti, Bloomberg spiega che non tutte le nazioni saranno colpite allo stesso modo. 

Pertanto, il Fondo monetario internazionale ritiene che le economie avanzate saranno meno colpite dal virus quest'anno e in futuro, mentre i paesi a basso reddito e i mercati emergenti ne soffriranno maggiormente.

"Un decennio di delusioni"?

Lo scorso gennaio, la Banca mondiale ha avvertito in un rapporto che stiamo entrando in "un decennio di delusioni nella crescita globale" a meno che non vengano prese misure correttive. 

Gli esperti consultati dall'agenzia chiariscono che non è necessario che un decennio vada perso se si prendono le misure politiche appropriate, soprattutto nei settori della riconversione delle competenze dei lavoratori e del sostegno ai più colpiti dalla crisi. 

Tuttavia, Adam Posen, presidente del Peterson Institute for International Economics, avverte di "un'autentica incertezza su quanto il comportamento delle persone cambia in termini di modelli di consumo a seguito di questa crisi". Se le persone tornano a "mangiare al ristorante, fare viaggi di piacere, allenarsi in palestra", molte delle industrie colpite si riprenderanno, ma è anche possibile che "i gusti delle persone cambieranno davvero" , nel qual caso ci sarà più disoccupazione , a cui si aggiunge il fatto spiacevole che "non esiste una buona soluzione del governo per questo", sottolinea.

D'altra parte, poiché la crisi ha accelerato l'uso dei robot, sia nella produzione che nel settore dei servizi, milioni di posti di lavoro saranno minacciati, con importanti domande sulla creazione di nuovi posti di lavoro nel processo. 

In effetti, secondo McKinsey & Co, più di 100 milioni di persone in otto delle maggiori economie mondiali potrebbero aver bisogno di cambiare occupazione entro il 2030, con le donne meno istruite, le minoranze etniche ed i giovani colpiti più duramente. 

Gli effetti a lungo termine saranno evidenti anche sul capitale umano dopo che la pandemia ha spinto bambini e studenti universitari fuori dalla classe per un anno in alcuni paesi.

In definitiva, come finanziare un pieno recupero sarà complicato dai 24 trilioni di dollari aggiuntivi in ??prestiti che il mondo ha assunto nel 2020, portando il debito totale a un nuovo record di 281 trilioni di dollari, secondo l'Institute of International Finance.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano di Francesco Santoianni Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti