Report e l'acquisto di petrolio dai 'ribelli' siriani. Sapete che l'Unione Europea lo ha legalizzato?

Report e l'acquisto di petrolio dai 'ribelli' siriani. Sapete che l'Unione Europea lo ha legalizzato?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Intanto, complimenti a Report, e al suo giornalista Giorgio Mottola, per il servizio “Nero come il petrolio” che documenta come imprenditori italiani abbiano acquistato dai “ribelli siriani” (molti, verosimilmente, dell’ISIS) petrolio per alimentare centinaia di stazioni di rifornimento in Italia. Complimenti. Ci sia, comunque, consentita una domanda: ma qualcuno alla redazione di Report sa che quello che hanno fatto questi imprenditori E’ PERFETTAMENTE LEGALE?


Sarebbe bastato dare una occhiata alla Decisione 2013/255/PESC del Consiglio dei Ministri degli Esteri dell’Unione Europea che toglie l’embargo sulla vendita del petrolio dalle aree della Siria “liberate dai ribelli” permettendo, così, alle compagnie petrolifere europee di acquistare “legalmente” il petrolio dai “ribelli”, fossero pure tagliagole dell’ISIS. Decisione, come le sanzioni al governo di Damasco, tutt’ora in vigore.


Altro che “…di tutto questo Governo italiano e Unione Europea non hanno nulla da dire?”, come retoricamente si domanda, nel suo servizio, Giorgio Mottola di Report.

 

Francesco Santoianni

Comitato italiano contro le sanzioni alla Siria

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti