Repressione israeliana: 1.400 detenuti palestinesi annunciano sciopero della fame

Repressione israeliana: 1.400 detenuti palestinesi annunciano sciopero della fame

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dalla fuga dei sei prigionieri palestinesi dalla prigione israeliana di massima sicurezza di Gilboa, le autorità del regime israeliano hanno intensificato le loro misure violente e repressive contro i prigionieri palestinesi.

Il presidente dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) della Commissione per gli affari dei detenuti ed ex prigionieri palestinesi, Qadri Abu Bakr, ha riferito, ieri, che 1.380 prigionieri, su più di 4.000 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, inizieranno questo venerdì uno sciopero della fame e saranno raggiunti da altri detenuti la prossima settimana.

"La situazione è pessima nelle carceri [israeliane], ecco perché faranno uno sciopero della fame", ha denunciato Abu Bakr in dichiarazioni rilasciate all'agenzia di stampa francese AFP .

Ha anche precisato che 400 detenuti smetteranno di mangiare cibo nella prigione di Ramón, 300 a Ofer, 200 a Nafha e un numero simile a Megiddo, 100 a Gilboa, 80 a Eshel e cinquanta nelle strutture carcerarie di Shatta e Hadarim.

Il funzionario palestinese, inoltre, ha espresso preoccupazione per la sorte dei prigionieri fuggiti il ??6 settembre dal carcere di Gilboa.

In effetti, il regime israeliano ha già catturato quattro dei sei evasi. Tra i palestinesi riconquistati, Zakaria al-Zubaidi è in gravi condizioni di salute. È stato picchiato e torturato dalle forze di sicurezza israeliane e di conseguenza è stato ricoverato in ospedale.

La Resistenza Palestinese ha avvertito il regime di occupazione che qualsiasi danno causato ai prigionieri palestinesi sarà considerato una dichiarazione di guerra.

Gli esperti ritengono che, in seguito alla fuga dei prigionieri palestinesi, Israele sia stato umiliato e sia stata messa in discussione la sua capacità militare e il potere repressivo delle sue carceri.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti