/ Robert Fisk sull'uccisione di Soleimani: Pochi si aspettavano che...

Robert Fisk sull'uccisione di Soleimani: Pochi si aspettavano che Trump "colpisse l'Iran alla giugulare"

 

Secondo il noto reporter di guerra Robert Fisk, "Teheran probabilmente prenderà del tempo per considerare le sue opzioni, pochi si aspettavano che il presidente degli Stati Uniti colpisse alla giugulare in questo modo"


Segue l'articolo di Robert Fisk, giornalista del quotidiano inglese The Indepedent, inviato di guerra in Medio Oriente da oltre 40 anni
  
Questa guerra è per caso o guerra progettata? Abbiamo tutti detto che una grande guerra in Medio Oriente potrebbe iniziare per caso. Ma nessuno pensava che Donald Trump avrebbe optato per la giugulare in questo modo. Uccidere il generale Qassem Soleimani è una spada conficcata nel cuore della dell'Iran, senza alcun dubbio. E per conto di chi?
 
Trump si vanta della sua relazione con il re saudita che ha parlato di "tagliare la testa del serpente iraniano" e le cui strutture petrolifere sono state attaccate con missili lanciati da droni - gli Stati Uniti hanno accusato l'Iran - l'anno scorso. O Israele? O è solo un'altra decisione con risultati incalcolabili, presa dal presidente picchiatello degli Stati Uniti?
 
Immaginate cosa succederebbe se un eminente generale americano - o due, dal momento che Abu Mahdi al-Muhandis fosse una delle principali figure pro-iraniane in Iraq - lo avessero fatto saltare in aria in un tour in Medio Oriente. Ci sarebbero attacchi aerei, attacchi ai centri nucleari iraniani, minacce di Washington per chiudere tutto il traffico tra l'Iran e il mondo esterno. La morte di un americano a Baghdad venerdì scorso e le rivolte fuori dall'ambasciata degli Stati Uniti, per quanto criticabili, difficilmente giustificano gli attacchi americani su questa scala.

 
Qassem Soleimani era uno degli uomini più potenti in Iran, anche se le forze di al-Quds delle Guardie Rivoluzionarie che comandava non sono proprio l'esercito d'élite come l'Iran ama definire. Soleimani, secondo i suoi compagni comandanti, avrebbe corso dei rischi sulle varie linee del fronte di al-Quds in Siria e i suoi uomini lo ammiravano per il suo coraggio sotto il fuoco. Quindi si aspettava di morire regolarmente. Ma l'aeroporto internazionale di Baghdad è l'ultimo posto in cui ti aspetteresti di vedere un drone americano uccidere lui e Al-Muhandis.
 
Gli americani si sono da tempo abituati a organizzare attacchi alle basi della milizia filo-iraniana in Iraq e Siria. Negli ultimi mesi, questi attacchi sono diventati normali, regolari, come le frequenti incursioni di Israele in Siria e Libano. Ma fu un'operazione militare americana che uccise anche Abu Bakr al-Baghdadi in Siria, un musulmano sunnita che era nemico di Teheran e che gli iraniani sarebbero stati felici di liquidare.

 
Gli americani sono stati abituati a questo tipo di assassinio - o "omicidi mirati" come li chiamano gli israeliani - spazzando via i loro nemici quando li scelgono. Osama bin Laden è stato il primo, Baghdadi il secondo, Suleimani il terzo. Tali omicidi basati su missili vengono regolarmente eseguiti da Israele a Gaza, dove i leader di Hamas vengono spesso assassinati.
 
Eppure è facile prendere questi uomini come importanti - come pensano di essere. Le forze iraniane in Siria, per esempio, sono spesso gravemente esagerate dagli Stati Uniti. Le affermazioni sulla presenza di 10.000 membri delle guardie rivoluzionarie Quds in Siria erano grossolanamente inaccurate. Duemila possono essere più precisi in qualsiasi momento. È vero, gli uomini dell'intelligence iraniana sono sparsi per il Medio Oriente. Ma lo sono anche gli agenti americani.
 
Uno dei più alti uomini dell'intelligence di Teheran fu Ghadanfar Rokon Abadi, che era l'uomo iraniano a Beirut, e in seguito il suo ambasciatore lì. Probabilmente sapeva più di Hezbollah e della Siria di chiunque altro e tornò a Teheran nel 2014. Non molto tempo dopo gli islamisti sunniti, a quanto pare con il sostegno saudita, organizzarono un attacco suicida contro la sua ambasciata, uccidendo 23 impiegati dell'ambasciata, guardie di Hezbollah e civili. Rokon Abadi è stato risparmiato. Il suo principale agente di sicurezza è stato ucciso. Ma nel 2016, ha compiuto il pellegrinaggio di Haj alla Mecca, dove 2.300 persone - 464 dei quali iraniani - sono state schiacciate a morte in preda al panico e alle rivolte per le quali l'Iran ha incolpato la monarchia saudita. Rokon Abadi era tra questi. Passarono mesi prima che i suoi resti fossero restituiti in Iran. 
 
Ma in Medio Oriente, gli agenti dell'intelligence sono sempre in pericolo. Fu un gruppo satellitare di Hezbollah chiamato Islamic Jihad che uccise il capo della stazione della CIA Beirut William Buckley, e Imad Mougnieh, il suo assassino segnalato - o l'uomo che aveva dato l'ordine - fu ucciso da un'autobomba a Damasco nel 2008. Nel 1983, un camion bomba fu fatto esplodere davanti all'ambasciata americana a Beirut, uccidendo 32 persone e spazzando via la maggior parte degli agenti della CIA che tenevano una riunione all'interno.
 
Oh sì, e un'altra cosa. Non ci sono elezioni negli stati Uniti quest'anno? E Trump vuole vincere - e Soleimani come bersaglio a Baghdad farà buon gioco i repubblicani. L'Iran ha sempre risposto agli attacchi aspettando e ritardando la propria rappresaglia. Ricordate le due petroliere chiamate Adrian Darya e Stena Impero ? Ma ora sta diventando qualcosa di personale.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa