/ Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico ...

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

 

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.


"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata da un residente della città della provincia di Seraqab di Idlib, nella quale si comunicava una provocazione, con l'uso di sostanze sostanze chimiche tossiche, per essere trasmesso da un canale televisivo straniero", ha riportato, oggi, il Centro russo per la riconciliazione in Siria, citato dall'agenzia di stampa russa, TASS.
 
I rappresentanti della sezione locale dei "Caschi Bianchi" si sono preparati per fornire i "primi soccorsi", con mezzi di protezione individuali, ai presunti "residenti locali colpiti" dall'avvelenamento, ha aggiunto il Centro russo.
 
La persona che ha rivelato il fatto ha anche spiegato che questi preparativi sono stati filmati dai corrispondenti televisivi professionisti, che indossavano un microfono con il logo di una catena di TV occidentale, commentando le azioni dei rappresentanti dei 'Caschi Bianchi'.
 
Quindi, il Centro russo indica che tutti questi fatti puntano sui terroristi del Fronte al Nusra, insieme ai 'Caschi bianchi', stanno preparando una nuova provocazione nella provincia di Idlib ricorrendo all'uso di sostanze tossiche per accusare il le autorità siriane di utilizzare armi chimiche contro la popolazione civile.

 
Questa informazione viene alla luce in un contesto speciale, poiché diversi paesi occidentali, tra cui gli Stati Uniti, tentano di accusare Damasco di usare armi chimiche contro il proprio popolo, sebbene il governo siriano abbia consegnato nel 2014 il suo arsenale chimico al Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) e nel gennaio 2016 questo organismo ha annunciato la sua distruzione totale.
 
Damasco ha sempre respinto le accuse dei paesi e delle agenzie occidentali che cercano di collegare il loro esercito con l'uso di armi chimiche; Inoltre, ha presentato ripetutamente prove dell'uso di questo tipo di arma da parte di gruppi terroristici ed estremisti, cosa come confermato dall'OPCW e dagli stessi Stati Uniti.
 
Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa