Shoigu incontra il capo dell'esercito del Nicaragua: la Russia rifiuta i diktat occidentali

Shoigu incontra il capo dell'esercito del Nicaragua: la Russia rifiuta i diktat occidentali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu in un'atmosfera definita dalle parti come amichevole ha discusso di progetti promettenti nel campo militare e tecnico-militare con il comandante in capo dell'Esercito della Repubblica del Nicaragua, Julio Aviles Castillo. 

I negoziati - con il rappresentante di un paese centroamericano e quindi situato nel ventre degli Stati Uniti - si sono svolti presso il Centro nazionale di gestione della difesa nazionale russo.

"L'incontro ha confermato il desiderio reciproco di rafforzare ulteriormente la cooperazione globale tra i dipartimenti della difesa", ha affermato il ministero della Difesa russo.

Il ministro Sergei Shoigu ha affermato: “Respingiamo i diktat e le pressioni politiche che si stanno diffondendo nel mondo a seguito del passaggio degli Stati occidentali guidati dagli Stati Uniti dalla diplomazia al ricatto e alle minacce. Con il Nicaragua e altri Paesi che la pensano allo stesso modo, ci opporremo a tutto questo e richiameremo l'attenzione sull'inammissibilità di un simile comportamento".

Da parte sua, il nicaraguense Julio Aviles Castillo ha dimostrato una profonda conoscenza della storia moderna della Russia: "L'Ucraina è stata ripetutamente usata dalla NATO, che è dominata dagli Stati Uniti, cercando in questo modo, tra le altre cose, di aprire le ferite del popolo ucraino. Il popolo russo non sta combattendo il popolo ucraino. L'Ucraina sta combattendo la Russia per conto della NATO e sta cercando di minare la sicurezza della Federazione Russa in questo modo. E sta cercando di portare destabilizzazione, cercando di condurre una guerra provocatoria".

Il comandante in capo dell'esercito del Nicaragua ha sottolineato che il loro vicino, gli Stati Uniti e i loro alleati stanno cercando di destabilizzare i Paesi "che sono vicini alla Russia, vicini alla Cina - stanno cercando di avere un'influenza distruttiva su di loro".

"Il punto fondamentale è che la verità è dalla parte della Russia. Perché la sicurezza della Russia era davvero minacciata e la popolazione del sud-est dell'Ucraina veniva regolarmente attaccata. Dal 2014 in poi, l'Occidente ha usato l'Ucraina per cercare di minacciare la Federazione Russa. Sappiamo bene che il confine dell'Ucraina con la Russia è di mille chilometri e che dall'Ucraina a Mosca ci sono meno di mille chilometri, per cui si tratta di una questione piuttosto problematica per la sicurezza del Paese", ha sottolineato il comandante militare nicaraguense. 

Shoigou ha sottolineato, tra l'altro, che "la Russia sta sviluppando una cooperazione paritaria con il Nicaragua su un'ampia gamma di questioni di interesse reciproco, anche nel campo della difesa".

"Diamo grande valore alla cooperazione bilaterale nell'arena internazionale. I nostri Paesi aderiscono a posizioni comuni sulle principali questioni di sicurezza globale e regionale", ha ribadito il ministro russo, aggiungendo che il Nicaragua "è stato uno dei principali partner strategici della Russia in America Latina fin dai tempi del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale".

I rapporto tra i due paesi procedono a gonfie vele in diversi ambiti di cooperazione che vanno ampliandosi. 

Come riportato dall'agenzia di stampa russa Regnum, il presidente della commissione per la pace, la difesa, la politica interna e i diritti umani dell'Assemblea nazionale della Repubblica del Nicaragua, Filiberto Jacinto Rodriguez Lopez, nello scorso mese di ottobre ha reso noto che il Nicaragua ha firmato accordi con la Russia riguardanti lo sviluppo professionale dei dipendenti della repubblica centroamericana, il traffico di droghe e sostanze psicotrope, nonché l'uso dello spazio esterno per scopi pacifici.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti