/ Siria. I profitti sul petrolio, la mossa di Trump per riconoscere...

Siria. I profitti sul petrolio, la mossa di Trump per riconoscere l'annessione israeliana del Golan

 

La scorsa settimana Washington ha dato un altro segnale che l'amministrazione Trump si sta muovendo verso la dichiarazione che riconosce le alture del Golan come territorio sovrano israeliano. Al centro della mossa ci sono enormi profitti petroliferi USA-israeliani.


A seguire l'analisi di Finian Cunningham
 
In un rapporto annuale sui diritti umani, il Dipartimento di Stato si è riferito alle Alture del Golan come "controllate da Israele" , lasciando cadere la norma internazionale di citare l'area contestata come "occupata da Israele ". Il cambiamento nella formulazione è significativo.
 
L'altopiano del Golan è considerato territorio siriano secondo il diritto internazionale, secondo le risoluzioni delle Nazioni Unite. Israele ha occupato l'area strategicamente importante che domina la Valle del Giordano sin dalla Guerra dei Sei Giorni del 1967. Nel 1981, Israele ha annesso formalmente questo territorio, non è mai stato riconosciuto a livello internazionale.
 
Quindi, il termine normativo è "Golan occupato da Israele " nella terminologia delle Nazioni Unite, non "controllato da Israele" .
 
L'amministrazione Trump, tuttavia, sembra orientarsi verso un cambiamento radicale nella politica degli Stati Uniti, che riconoscerebbe ufficialmente il Golan come parte di Israele. Un alto funzionario della Casa Bianca è stato citato la settimana scorsa negando che ci fosse un cambiamento nella politica degli Stati Uniti riguardo al territorio conteso. Ma molti segnali suggeriscono il contrario.
 
Quando il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha tenuto la sua prima visita con il neoeletto presidente Trump alla Casa Bianca nel febbraio 2017, l'ordine del giorno delle loro discussioni era che gli Stati Uniti rispondessero alle richieste di Israele da parte di Israele di approvare la sua annessione del Golan.
 
L'anno scorso, il ministro israeliano di intelligence Israel Katz ha dichiarato  alla Reuters in un'intervista esclusiva che era sicuro che l'amministrazione Trump era pronta a fare una dichiarazione su Golan a favore del suo paese. "Penso che ci sia una grande maturità e un'alta probabilità che ciò accada " , dichiarò Katz, aggiungendo che la mossa sarebbe avvenuta entro il "prossimo anno". La sua intervista con la Reuters è avvenuta a maggio, circa 10 mesi fa.
 
All'inizio di questo mese, il senatore statunitense Lindsey Graham, che è vicina all'amministrazione Trump, ha fatto un giro del Golan accompagnato da Netanyahu. Dopo il tour, Graham ha detto ai giornalisti che avrebbe spinto affinché Washington riconoscesse il Golan come sotto la sovranità israeliana.
 
Diversi membri bipartisan del Senato degli Stati Uniti, tra cui Marco Rubio, Ted Cruz e Tom Cotton, hanno già presentato una risoluzione volta a riconoscere la sovranità di Israele sull'area montuosa occupata.
 
Quindi, l'amministrazione Trump sembra pronta a rovesciare decenni di politica statunitense sullo status del Golan, e lancia un altro shock al consenso internazionale. Ricordiamo che il presidente Trump ha già mostrato il suo favore nei confronti di Israele dichiarando Gerusalemme la sua capitale alla fine del 2017. Mesi dopo, Trump ha ancora una volta snobbato il consenso internazionale abbandonando l'accordo nucleare iraniano sostenuto dall'ONU. Questa mossa è stata vista anche come un regalo della Casa Bianca ad Israele.
 
Per la Casa Bianca cambiare rotta sul Golan significherebbe sicuramente un'altra controversa - per non dire illegale - uscita dal consenso internazionale. Un Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite la risoluzione nel 1981, con il voto dagli Stati Uniti, ha condannato all'unanimità l'annessione israeliana di Golan e fatto appelli affinché area sia finalmente restituita alla Siria.
 
Tuttavia, l'amministrazione Trump ha mostrato una zelante volontà di soddisfare ogni richiesta israeliana. Questo è senza dubbio dovuto in parte alle donazioni multimilionarie alla campagna elettorale di Trump da parte del magnate Sheldon Adelson.
 
Forse ancora più cruciale è la questione lucrativa delle gigantesche riserve petrolifere trovate sotto le rocce del Golan, come riportato in precedenza da Whitney Webb. Nell'aprile 2013, la compagnia petrolifera statunitense Genie, attraverso la sua consociata israeliana, ha ricevuto diritti esplorativi esclusivi per trivellare il territorio occupato dal governo Netanyahu. Due anni più tardi, è stata fatta una grande scoperta petrolifera.
 
The Economist ha lanciatola notizia con il titolo a novembre 2015: "Oro nero sotto il Golan - solo un ostacolo". La rivista economica riportava come esperti petroliferi statunitensi e israeliani avevano trovato una miniera d'oro ma in un "luogo non ordinario".
Non ordinario, ovvero, il diritto internazionale non riconosceva le rivendicazioni territoriali israeliane.
 
Mentre si stava seguendo la scoperta del petrolio, i funzionari israeliani intensificarono gli sforzi diplomatici per cambiare la politica degli Stati Uniti sullo status del Golan. Secondo quanto riferito, l'amministrazione Obama ha respinto le suppliche di Netanyahu. Ma con l'elezione di Trump, Tel Aviv sembra aver trovato un inquilino della Casa Bianca più disponibile.
 
Un'altra influenza trainante è lo stretto legame tra la cerchia interna di Trump e la società Genie Energy. L'ex presidente della compagnia è Ira Greenstein , un avvocato che è vicino alla famiglia Kushner attraverso interessi commerciali reciproci. Greenstein è stato portato nel circolo consultivo della Casa Bianca come consulente legale secondo quanto riferito, da Jared Kushner, il genero di Trump. Gli osservatori hanno notato che la relazione con la porta girevole è un conflitto di interesse rigido e potenzialmente illegale nella Casa Bianca.
 
L'accogliente sovrapposizione di connessioni include Gary Cohn, ex amministratore delegato della banca di Wall Street Goldman Sachs e che fino all'anno scorso è stato consigliere economico di Trump.  Secondo quanto riferito, Goldman Sachs è stato un importante investitore in Genie Energy. Anche il rappresentante speciale di Trump per i negoziati internazionali Jason Greenblatt è un altro importante investitore in Genie.
 
Se gli Stati Uniti riconoscessero ufficialmente il Golan come territorio israeliano, ciò sbloccherebbe l' impasse legale riguardante il settore petrolifero dell'area. Così com'è nelle attuali condizioni legali, il petrolio nel Golan non può essere commercialmente estratto e commercializzato sui mercati internazionali perché ciò violerebbe le risoluzioni delle Nazioni Unite. Tuttavia, se Washington dichiarasse il Golan come parte di Israele, allora il petrolio potrebbe essere legalmente negoziato con gli Stati Uniti - e molti investitori, compresi quelli vicini alla Casa Bianca di Trump, sono pronti a realizzare profitti interessanti. La mossa degli Stati Uniti aprirebbe anche la strada ad altre nazioni sotto la pressione di Washington per schierarsi dietro la sua politica di riconoscere l'annessione israeliana del territorio meridionale della Siria.
 
Ciò che gli Stati Uniti si stanno preparando a fare riguardo alle alture del Golan è palesemente criminale. Il territorio è stato invaso da Israele ed è stato illegalmente occupato per quasi 52 anni. Per l'amministrazione Trump l'assenso a questo crimine lo rende complice una grave violazione del diritto internazionale - tanto più sordido perché sembra essere guidato dai profitti petroliferi.
 
Inoltre è l'oltraggiosa ipocrisia degli Stati Uniti. Questa settimana, Washington ha rinnovato le condanne alla Russia per presunta annessione della Crimea cinque anni fa. Sia Washington che i suoi alleati europei hanno aumentato le sanzioni economiche contro Mosca in coincidenza con il quinto anniversario della votazione del referendum  che ha sancito l'unione della crimea alla Federazione Russa. Gli Stati Uniti, l'Unione europea e la NATO hanno condannato duramente la "l'annessione della Crimea" da parte della Russia.
 
Washington e i suoi alleati ignorano il fatto che la Crimea abbia votato in modo schiacciante nel marzo del 2014 per diventare parte della Russia, che era stata sua per secoli fino a quando la politica della Guerra Fredda dell'Unione Sovietica lasciò in eredità la penisola del Mar Nero in un accordo anomalo con l'Ucraina. Le rivendicazioni occidentali sull'annessione della Russia non reggono su fatti storici.
 
Anche le proteste dell'Occidente sulla Crimea non reggono. Come si può vedere dalla cinica convenienza che gli Stati Uniti stanno esercitando nei confronti delle alture del Golan, gradualmente dà ad Israele una luce verde per annettere il territorio meridionale ricco di petrolio della Siria. Data la duplicità di giudizio, Washington non è nella posizione di dare lezioni agli altri su " illegalità dell'annessione".
 
 
Fonte: Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa