Snowden: il video che spiega come funziona la disinformazione della CIA

Snowden: il video che spiega come funziona la disinformazione della CIA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

RT

È diventato virale su Internet uno spezzone di una vecchia intervista twittata lunedì da Edward Snowden, in cui l'ex agente della CIA Frank Snepp descrive nei dettagli il processo di disinformazione dei giornalisti statunitensi durante il suo servizio presso l'agenzia di intelligence.

"Il video più importante dell'anno è stato registrato nel 1983", ha scritto Snowden nel condividere il filmato.

Durante il dialogo, Snepp racconta come, mentre lavorava per l'agenzia federale, abbia fatto circolare precise narrazioni nei principali media statunitensi con l'obiettivo di influenzare l'opinione pubblica.

"Informavo la stampa quando noi, la CIA, volevamo far circolare un po' di disinformazione su un particolare argomento", affermava, riferendosi ai dati condivisi "non necessariamente come una menzogna, ma come una mezza verità".

In questo senso, viene spiegato che una volta scelto un giornalista Snepp stesso preparava un rapporto e aspettava che le informazioni circolassero sulla stampa. 

Secondo il racconto dell'ex agente della CIA, per trasmettere le informazioni desiderate, si recava da un giornalista e gli diceva ciò che voleva far trapelare, con fatti che il giornalista non poteva verificare. Spettava al giornalista decidere se attenersi o meno alle informazioni fornite, ma di solito lo faceva "perché sembrava una sorta di esclusiva”. 

Nell’intervista viene indicato che di solito si recava da quei giornalisti "che avevano grande influenza" nella sua area di lavoro, Saigon (Vietnam), in quanto all'epoca era analista capo della strategia nordvietnamita della Central Intelligence Agency.

"Io andavo a cercare questi signori. Andavo a coltivarli per passare del tempo con loro all'Hotel Caravel o all'Hotel Continental per socializzare con loro e cercare gradualmente di guadagnare la loro fiducia fornendo informazioni valide, informazioni che fossero vere", affermava, per poi far cadere "in una conversazione i fatti che volevamo trasmettere, che potevano non essere veri".

Snepp ha ammesso di aver partecipato alle attività di disinformazione della CIA e ha affermato che "non è servito a nulla". "La propaganda al pubblico statunitense o al Congresso non è compito della CIA”. 

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

 
 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica