Tensioni Arabia Saudita-Libano. Hezbollah: Vendetta Riad per sconfitta nello Yemen

Tensioni Arabia Saudita-Libano. Hezbollah: Vendetta Riad per sconfitta nello Yemen

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In mezzo alle crescenti tensioni tra il Libano e l'Arabia Saudita, Muhammad Raad, il capo del blocco parlamentare del libanese islamica Movimento di Resistenza (Hezbollah), ha spiegato che Riad sta cercando di vendicarsi con Beirut per il suo sostegno della nazione yemenita di al volto della  devastante aggressione della cosiddetta 'coalizione', guidata dal regno saudita.

In dichiarazioni citate dal portale locale Al- Ahed  News , Raad ha sottolineato che oggi l'Asia occidentale deve affrontare una “crisi creata da uno dei paesi della regione che ha lanciato una guerra crudele contro un altro paese arabo e l'ha persa”, riferendosi all'aggressione lanciata dall'Arabia Saudita e dai suoi alleati contro lo Yemen dal 2015.

“Il Paese che ha perso la guerra sta ora cercando di vendicarsi, dopo la sua sconfitta, sul Libano, da quando Beirut ha sostenuto la nazione oppressa che è stata invasa per quasi sette anni" , ha aggiunto.

In un'intervista trasmessa lunedì scorso, il ministro dell'Informazione libanese George Kordahi ha dichiarato che la guerra in Yemen è stata un'aggressione dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti (EAU), e in seguito ha precisato che questa "assurda" offensiva dovrebbe cessare.

Kordahi ha sottolineato che le forze dell'esercito yemenita e i combattenti del movimento popolare Ansarollah si stavano "difendendo" mentre "le loro case, villaggi, funerali e matrimoni vengono bombardati" dalla "coalizione" saudita-americana.

Infuriata per le critiche dell'alto funzionario libanese, venerdì scorso l'Arabia Saudita ha ordinato all'ambasciatore libanese di lasciare il territorio saudita entro 48 ore e ha vietato tutte le importazioni dal paese dei cedri.

In solidarietà con Riad, Kuwait e Bahrain, a loro volta, hanno seguito le stesse misure e sabato hanno inviato ambasciatori libanesi a lasciare i loro paesi in due giorni. Allo stesso modo, gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato lo stesso giorno che avrebbero ritirato i loro diplomatici dal Libano.

Hezbollah avverte sui tentativi di interrompere le elezioni del 2022

Di fronte a una situazione del genere, Raad ha rilevato che l'attacco verbale contro Kordahi potrebbe essere volto a minare la "stabilità" che ha prevalso in Libano dopo la recente formazione del govern , che ha posto fine a uno stallo politico di oltre un anno nel Paese.

Coloro che stanno creando una crisi per il Libano cercano di interrompere le elezioni generali del paese del 2022, perché potrebbero aver capito che i risultati non saranno in linea con i loro interessi, ha  avvertito il legislatore libanese.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti