Torture della Cia sui prigionieri. "Imbarazzo per il governo degli Stati Uniti"

Torture della Cia sui prigionieri. "Imbarazzo per il governo degli Stati Uniti"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo il The New York Times, sette ufficiali militari di alto rango hanno condannato il trattamento brutale che la CIA ha riservato a un detenuto e hanno definito l'accaduto come un "imbarazzo per il governo degli Stati Uniti". 

La denuncia di sette degli otto membri di una giuria militare, che si sono recati a Guantanamo Bay la scorsa settimana per ascoltare la testimonianza di uno dei suoi prigionieri, di nome Mayid Jan, e per emettere una sentenza, è arrivata dopo aver ascoltato le descrizioni dei grafici di tortura contro il detenuto.

Jan, 41 anni, è stato catturato in Pakistan nel 2003 e si è dichiarato colpevole delle accuse di aver aiutato Al-Qaeda come messaggero e pianificatore nel 2012.

Nel 2006 Jan è stato trasferito nel carcere di Guantanamo, dove ha finalmente potuto accedere a un avvocato. Per nove anni è stato trattenuto senza alcun capo di accusa. Nel 2012 si è dichiarato colpevole di quattro reati di terrorismo.

Non avendo la cittadinanza statunitense, è stato trattato come un "nemico straniero belligerante senza privilegi", pertanto è stato processato da una commissione militare e "tecnicamente i diritti dei cittadini statunitensi non sono stati concessi", hanno denunciato i militari, sottolineando che per essersi dichiarato colpevole e aver mostrato rimorso per il dolore causato alle vittime e ai loro familiari, meritava il perdono.

L'uomo in questione ha spiegato di essere stato picchiato e sottoposto a torture, abusi fisici e sessuali in "luoghi oscuri", mentre subiva pressioni per ottenere informazioni.

"Il signor Jan è stato sottoposto ad abusi fisici e psicologici che vanno ben oltre le tecniche di interrogatorio potenziate approvate, avvicinandosi alla tortura dei regimi più violenti della storia moderna", hanno scritto i giurati in una lettera indirizzata al colonnello Jeffrey D. Wood della Guardia Nazionale dell'Arkansas, autorità di convocazione della commissione militare.

Questo abuso, continuano, "non ha avuto alcun valore pratico in termini di intelligence, né alcun altro beneficio tangibile per gli interessi degli Stati Uniti", aggiunge la nota.

Quando Jan è entrato a Guantanamo, l'esercito americano e l'agenzia di intelligence stavano già utilizzando "tecniche di interrogatorio avanzate" presso le strutture segrete per ottenere confessioni per aiutarli nella loro cosiddetta guerra al terrore, lanciata dall'amministrazione del presidente George W. Bush.

Il programma di interrogatori violenti per colpire il morale dei prigionieri è terminato nel 2009, durante l'amministrazione Barack Obama, ma la macchia oscura sulla reputazione della CIA rimane.

Giovedì scorso Jan ha testimoniato sugli abusi subiti durante la sua permanenza nella rete di carceri all'estero della CIA tra il 2003 e il 2006. Ha rivelato di essere stato ripetutamente appeso nudo al soffitto e colpiti da getti di acqua ghiacciata per impedirgli di dormire. Inoltre, ha affermato di essere stato punito con digiuno e con clisteri forzati.

"Li ho implorati di fermarsi e ha giurato di non sapere nulla", ha raccontato Jan, assicurando che, se avesse saputo qualcosa, "glielo avrebbe già detto".

Un rapporto del Comitato di intelligence del Senato degli Stati Uniti, pubblicato nel 2014, descrive in dettaglio parte del trattamento ricevuto da Jan, accusando la CIA di infliggere dolore e sofferenza ai prigionieri legati ad Al-Qaeda, oltre i limiti legali.

La tortura è una pratica diffusa e profondamente radicata tra gli agenti statunitensi, poiché le autorità di questo Paese non solo non la condannano, ma la plaudono anche promuovendo le carriere dei funzionari coinvolti in queste violazioni dei diritti umani.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe