/ Tulsi Gabbard, senatrice USA: Un attacco statunitense contro la S...

Tulsi Gabbard, senatrice USA: Un attacco statunitense contro la Siria rafforzerà ISIS, al Qaeda e Jaish al Islam

 

Tulsi Gabbard senatrice democratica della Stato delle Hawaii ed ex militare statunitense, nota per suo impegno contro l'intervento militare del suo paese in Siria, ha avvertito sul pericolo di un rafforzamento del terrorismo in seguito alla decisione di Trump di attaccare il paese arabo.


In 3 post sul suo account d Twitter la senatrice democratica per lo Stato della Hawaii e veterana di guerra degli Stati Uniti Tulsi Gabbard, nota per il suo impegno contro le politiche interventiste del suo paese, ha avvertito sulle conseguenze di attacco contro la Siria, in primis il rafforzamento delle principali organizzazioni terroristiche: ISIS, al Qaeda e JAish al Islam.
 
Nel primo tweet  Gabbard ha scritto: "Il popolo siriano vuole la pace più di ogni altra cosa al mondo. Lanciare bombe sulla Siria non porterà il loro paese devastato dalla guerra più vicino alla pace. Aumenterà e prolungherà la guerra, con conseguente morte, distruzione, sofferenza e rifugiati.
 

 
La senatrice ha aggiunto che "lanciando un attacco militare statunitense contro la Siria, i gruppi terroristici come al-Qaeda, ISIS, Jaysh al-Islam, ecc, saranno rinvigoriti e risorgeranno nel loro intento di rovesciare il governo(siriano ndt) e stabilire un califfato. Ciò creerà una maggiore minaccia per l'America e l'inferno per il popolo siriano."
 

 Gabbard nel suo ultimo messaggio ha ribadito che "se il nostro desiderio è per la pace e la stabilità in Siria, affinché i rifugiati possano tornare a casa e possano iniziare a ricostruire le loro case e vite, allora dovremmo lavorare per la pace piuttosto che espandere e intensificare la guerra attraverso un attacco militare USA contro la Siria."
 

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa