Tutto pronto a Johannesburg per il XV Vertice BRICS

Tutto pronto a Johannesburg per il XV Vertice BRICS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il XV vertice BRICS inizierà domani nella città di Johannesburg, in Sudafrica,  presso il Sandton Convention Center.

Proprio al Sandton Convention Center, il Presidente sudafricano Cyril Ramaphosa accoglierà, il leader cinese Xi Jinping, il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva. Il presidente russo Vladimir Putin parteciperà all'incontro in videoconferenza, ma il ministro degli Esteri Sergei Lavrov parteciperà invece all'incontro. Inoltre, i rappresentanti di 34 paesi hanno confermato la loro partecipazione all'evento.

All'interno dell'ampia agenda che i paesi del blocco affronteranno, spiccano il tema della de dollarizzazione e le prospettive per la creazione di una nuova moneta comune propria. In questo contesto sono stati programmati incontri con l'ex presidente del Brasile, Dilma Rousseff, attualmente presidente della BRICS New Development Bank.

Ramaphosa, ieri, nel suo discorso alla nazione ha anticipato alcuni temi e prospettive del vertice: “Più di 20 paesi hanno chiesto formalmente di entrare a far parte del gruppo BRICS e molti altri hanno espresso interesse a entrare a far parte della famiglia BRICS. Il Sudafrica sostiene l'espansione dell'adesione ai BRICS".

Il leader sudafricano ha anche osservato che “il valore dei BRICS va oltre gli interessi dei suoi attuali membri”. "Affinché i loro sforzi siano efficaci, i BRICS devono creare partenariati con altri paesi che condividono le loro aspirazioni e prospettive".

Inoltre, Ramaphosa ha ricordato che il suo Paese "è impegnato nella politica di non allineamento", aggiungendo che il Sudafrica sta resistendo alle pressioni per non allinearsi con potenze mondiali o blocchi di nazioni. Tuttavia, ha ribadito che il Sudafrica non è una nazione neutrale “in materia di principio e di interesse nazionale”. "Non ci lasceremo trascinare nella contesa tra potenze mondiali", ha precisato il leader africano.

Il gruppo BRICS è attualmente composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Sarà l’ultima giornata del vertice, prevista per giovedì prossimo, quella incentrata sui colloqui con i leader dei paesi terzi.

L'Iran, l'Argentina e l'Algeria hanno chiesto formalmente di aderire al blocco e circa 20 altri paesi hanno annunciato i loro piani di adesione, tra cui Emirati Arabi Uniti, Indonesia, Turchia, Tunisia e Venezuela. Anche i due partner della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) della Russia, Bielorussia e Kazakistan , hanno espresso la loro intenzione di aderire all'associazione.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti