"Un fatto della vita": Così il Pentagono giustifica l'uccisione di civili in Siria e Iraq

"Un fatto della vita": Così il Pentagono giustifica l'uccisione di civili in Siria e Iraq

Il Dipartimento della Difesa statunitense, il Pentagono, ha giustificato che le vittime civili nei suoi attacchi in Siria e in Iraq, sono "un fatto della vita."

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Abbiamo già superato la tattica per spingerli (i terroristi) da una posizione all'altra in Siria e Iraq per la tattica di annichilimento, in base alla quale noi li circondiamo," ha dichiarato il capo del Pentagono, James Mattis, in un'intervista rilasciata ieri ad una trasmissione televisiva sulla rete statunitense 'CBS'.


 
Alla domanda sulle vittime civili, Mattis, soprannominato "Cane pazzo", ha risposto che non sono altro "un fatto della vita in questo tipo di situazione".
 
Mattis ha affermato che per l'esercito degli Stati Uniti ha la priorità di uccidere gli estremisti stranieri, affinché non possano tornare nei loro paesi di origine.
 
Le "giustificazioni" di Mattis giungono in una situazione orribile, dal momento che sono aumentate significativamente le morti di civili, tra cui donne e bambini, negli attacchi aerei degli Stati Uniti in Siria e Iraq.
 
Gli Stati Uniti, a capo della cosiddetta coalizione anti-ISIS (Daesh, in arabo), hanno iniziato una campagna di attacchi aerei in Iraq ad agosto 2014, e un mese dopo li hanno estesi alla Siria, senza il consenso delle autorità di questo paese.
 
Il governo di Damasco ha condannato gli attacchi, mettendo in discussione più volte la loro efficacia, criticando, inoltre, i danni collaterali che provocano, sia per il numero di vittime civili che i danni alle infrastrutture nazionali.
 
 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra