/ Un sondaggio rivela che il 43% degli statunitensi sostiene il 'so...

Un sondaggio rivela che il 43% degli statunitensi sostiene il 'socialismo'

 
 

La diffusione di un recente sondaggio della società Gallup ha sorpreso dentro e fuori gli Stati Uniti: il 43% della popolazione ritiene che il socialismo sarebbe positivo per il paese e il 47% voterebbe per un "candidato socialista".

 

Tuttavia, sono necessari due chiarimenti. Il primo è che il 51% pensa diversamente. La seconda, che ciò che il popolo interpreta come "socialismo" può differire enormemente e rappresentare visioni socialdemocratiche, anticapitalistiche o di intervento statale nell'economia.

 

Secondo la società Gallup, circa il 25% associa il concetto di socialismo all'equità sociale e il 17% a un certo grado di controllo statale della produzione economica.

 

La verità è che dal 1942 il sostegno al "socialismo" è aumentato dal 25 al 40% e la differenza tra la visione negativa e positiva a questo riguardo è stata ridotta di 7 punti percentuali.

 

Il sondaggio è stato condotto tra il 17 e il 30 aprile e ha raccolto molte più opinioni rispetto al passato, il che significa che c'è una posizione più ampia all'interno della società americana.

 

 

A loro volta, le risposte di coloro che si identificano con il Partito Democratico sono interessanti, dal momento che dal 2010 questo gruppo esprime per lo più una visione positiva del socialismo (57% nel 2018).

 

Durante questo periodo la percentuale è rimasta stabile, mentre il più grande cambiamento si è verificato nella visione positiva del capitalismo, che tra i sostenitori democratici è sceso a meno della metà (il 47% nell'ultima indagine)

 

Il sondaggio ha aggiunto un altro dato interessante: il 58% voterebbe per un candidato ateo e il 60% per un candidato presidenziale musulmano, nonostante la campagna xenofoba del governo degli Stati Uniti.


 
Fonte: America XXI
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa