USA: Bloomberg scatena campagna mediatica contro Bernie Sanders

USA: Bloomberg scatena campagna mediatica contro Bernie Sanders

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La campagna presidenziale di Mike Bloomberg prevede di scatenare una massiccia operazione mediatica contro il candidato alla presidenza Bernie Sanders dopo la clamorosa vittoria del senatore del Vermont in Nevada, secondo quanto racconta l’emittete CNBC. 

 

Secondo fonti dirette che hanno richiesto l'anonimato, ci sono in programma "attacchi multipli" contro Bernie Sanders.

 

"La macchina Bloomberg rivolge i suoi miliardi contro Sanders in una prima prova di come saranno le elezioni generali", ha twittato Sagaar Enjeti di The Hill.

 

La campagna di Bloomberg, che ha già speso oltre 500 milioni di dollari in acquisti di annunci pubblicitari, ha discusso di come useranno le risorse del plutocrate miliardario contro Sanders.

 

Contro Sanders sono state condotte investigazioni e attacchi digitali focalizzati sulle sue attività come deputato e senatore. 

 

Molte altre mosse volte a offuscare l'immagine del legislatore del Vermont sono attese nelle prossime settimane. Hawkfish, la società tecnologica di Bloomberg, è responsabile dello sviluppo degli annunci digitali della campagna elettorale dell’oligarca.

 

La campagna di Bloomberg sta suonando l'allarme per Sanders, socialista democratico, in vista del cosiddetto Super Tuesday, 3 marzo, quando 14 stati realizzano le loro primarie.

 

Sanders è avanti nei sondaggi statali e nazionali, mentre lo slancio di Bloomberg si è in qualche modo bloccato dopo gli scarsi risultati nel dibattito della scorsa settimana. Bloomberg deve ancora partecipare alle primarie e ha investito gran parte della sua campagna gli sforzi per catturare i ricchi delegati degli Stati del Super Tuesday, inclusi i più importanti, come il Texas e la California.

 

La squadra di Bloomberg ha riconosciuto che Sanders è la più grande minaccia per conquistare la nomination democratica.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO