Venezuela, il punto di Maduro dopo il tour internazionale

Venezuela, il punto di Maduro dopo il tour internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il Presidente Nicolás Maduro ha fatto rientro questa domenica in Venezuela dopo un lungo viaggio all’estero iniziato l'8 settembre, durante il quale ha visitato diverse città della Repubblica Popolare Cinese, l'Algeria e Cuba, dove ha partecipato al Vertice G77+Cina. 

Dall'aeroporto internazionale di Maiquetía, a La Guaira, il leader bolivariano ha affermato che all'incontro G77+Cina - che si è tenuto a Cuba - ha sentito "l'ammirazione e l'amore del mondo per il popolo del Venezuela".

"Tutte le delegazioni sono venute a ringraziare la resistenza del nostro popolo e a dire che il Venezuela è la luce e il faro della lotta dei popoli del Sud, per la pace e l'uguaglianza. Il Venezuela è amato dal mondo, seguito dal mondo. Oggi, nel XXI secolo, siamo la luce e il faro della giustizia, dell'uguaglianza e della giustizia sociale", ha dichiarato il leader venezuelano.

Maduro ha evidenziato gli accordi raggiunti in Cina per lo sviluppo del Paese, così come quelli raggiunti in Algeria, dove ha fatto tappa. "Il Venezuela occupa il suo spazio nella geopolitica mondiale, con coraggio, dicendo la verità e costruendo benessere per la costruzione di una società superiore in Venezuela. Avanziamo per costruire percorsi di cooperazione, siamo in piedi, vittoriosi e più forti che mai".

Per quanto riguarda la Cina, il presidente Maduro ha definito "storico" il tour che ha compiuto in quattro città del gigante asiatico. "Si sono aperte le porte per una splendida tappa, per le relazioni commerciali e finanziarie tra la Cina e il Venezuela", ha sottolineato il presidente, affermando che continuerà a lavorare per il Paese e per la sua definitiva ripresa, nonostante i continui sabotaggi intrapresi dalla destra.

"Si apre ora un nuovo orizzonte nelle relazioni con la Cina, la grande superpotenza del XXI secolo", ha aggiunto.

Inoltre, il capo di Stato venezuelano ha dichiarato che durante la sua sosta in Algeria ha tenuto una giornata di colloqui con il primo ministro della nazione nordafricana, Aymene Benabderrahmane. A questo proposito, il leader venezuelano ha affermato che durante l'incontro - tenutosi ad Algeri - sono stati esaminati accordi su petrolio, gas, istruzione, tecnologia, agricoltura, tra gli altri.

Ha inoltre informato che la rotta aerea Algeria-Venezuela sarà presto attivata. "Nelle prossime settimane inizieranno voli. Andata e ritorno. Tutto ciò si apre al turismo e al commercio bilaterale", ha sottolineato.

Poi ha indicato che si sta lavorando alla cooperazione nel settore dell'istruzione e del gas per formare lavoratori in questo settore in Venezuela e in Algeria.


Ripercussioni interne

Il tour internazionale di Maduro, il cui bilancio è molto positivo, avrà anche delle ripercussioni sulla politica interna venezuelana rafforzando le forze del chavismo. Miguel Ángel Pérez Pirela, dottore di ricerca in Filosofia politica e direttore del portale LaIguana.TV, ai microfoni di Oscar Schémel, nel suo programma Análisis Situacional, dove, tra gli altri argomenti, ha parlato del recente viaggio di Maduro all’estero definendolo di grande "portata geopolitica e geostrategica".

Maduro “è stato ricevuto come un Capo di Stato nella prima potenza economica del mondo, la Cina, con un cielo pieno di droni per dargli il benvenuto all'amicizia Cina-Venezuela”, ha evidenziato Pérez Pirela. Al contempo, ha sottolineato l’analista, l'opposizione venezuelana non è nemmeno riuscita a far decollare il suo processo di primarie.

"Allo stesso tempo, qui vediamo un processo di primarie disarticolato, disorganizzato, con false promesse, con false aspettative, con un tira e molla. Lo squilibrio tra un viaggio di tale portata geopolitica, di geostrategia, e un divisionismo, una cattiva organizzazione delle primarie, a un anno dalle elezioni, ci fa pensare che l'opposizione o si organizza e fa sul serio, smettendo di puntare sui repubblicani della Florida che chiedono sanzioni contro il Venezuela, o semplicemente rimarrà nel suo eterno letargo", ha commentato il direttore di LaIguana.TV.

In questo senso, ha invitato il governo a "sfruttare" la portata della visita appena effettuata in Cina, non solo in termini economici e finanziari, ma anche in termini simbolici e comunicativi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti