ALBA LATINA/Venezuela, Maduro: "È impossibile che Trump non sapesse nulla"

Venezuela, Maduro: "È impossibile che Trump non sapesse nulla"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

I punti salienti della conferenza stampa del Presidente venezuelano sul nuovo tentativo di golpe orchestrato da Usa e Colombia

 

«Lo scudo bolivariano resta attivo per combattere qualsiasi tentativo di destabilizzare il paese». In una conferenza stampa con i media internazionali realizzata tramite videoconferenza, il presidente Nicolás Maduro ha ringraziato le Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB) e il popolo bolivariano, per la dimostrazione che lo scudo bolivariano ha funzionato. In particolare, ha ringraziato gli abitanti di Cepe e Puerto Maya (stato di Aragua) e Carayaca (stato di La Guaira) per il loro recente lavoro, oltre a Chuao dove i pescatori del posto hanno fermato l’assalto mercenario-terroristico.

 

Nelle ore della notte di martedì, un altro partecipante all'operazione è stato catturato nella città di Cepe (vicino a Chuao, nello stato di Aragua), che apparentemente ha svolto il ruolo macchinista per la seconda imbarcazione che ha partecipato all'incursione armata di Macuto, a La Guaira, domenica scorsa.

 

"Grazie all'unione civico-militare-poliziesca, nelle ore notturne è stato possibile catturare nella città di Cepe un altro mercenario che ha agito da macchinista sulla seconda imbarcazione che ha partecipato allo sbarco di Macuto", ha riferito mercoledì il Redi Centrale (Región Estratégica de Defensa Integral) delle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB), tramite il suo account sul social network Twitter.

 

In una trasmissione video sui social network, si apprende che l'uomo catturato risponde al nome di Rosmel Edecio Méndez e viene mostrato insieme agli abitanti di Cepe, che lo hanno catturato per consegnarlo alle autorità. Afferma di essersi arreso volontariamente alla gente di Cepe, che è coinvolto golpe, che il suo compito era spostare le persone dall'Alta Guajira della Colombia in territorio venezuelano.

 

Secondo le indagini del governo venezuelano, il raid è stato guidato da una società statunitense chiamata Silvercorp USA, con il coinvolgimento o il sostegno agenti della Drug Enforcement Administration (DEA) e del narcotraffico, collegato all'estremismo venezuelano di opposizione, con l'intenzione di rovesciare il presidente Nicolás Maduro.

 

Il presidente ha sottolineato che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che riceve ogni giorno un rapporto sul Venezuela, questa settimana ha dichiarato di non sapere nulla dell'incursione marittima frustrata lo scorso fine settimana sulle coste del paese. "È impossibile che Trump non sapesse cosa è successo questo fine settimana in Venezuela. Mike Pompeo ha affermato che non hanno avuto una partecipazione diretta, ma hanno avuto una partecipazione indiretta?", ha chiesto retoricamente il presidente Maduro.

 

Il 26 marzo, il governo degli Stati Uniti ha accusato il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, di presunti legami con il traffico di droga e ha offerto un premio di $ 15 milioni per la sua cattura. Washington ha accusato Maduro di gestire il fantomatico cartello de los Flores e ha annunciato che avrebbe offerto una ricompensa di $ 15 milioni per informazioni che potrebbero portare alla sua cattura.

 

Con queste dichiarazioni, l'obiettivo era quello di preparare l'opinione pubblica a qualsiasi evento violento che sarebbe potuto verificarsi.

 

Due giorni fa, l'ex militare statunitense Jordan Goudreau, che ha rivendicato la responsabilità di due gruppi che sono entrati in Venezuela attraverso le coste di Macuto (La Guaira) e Chuao (Aragua) nell'ambito della cosiddetta "Operazione Gideon", hanno assicurato che nonostante gli arresti di alcuni dei suoi uomini, l'operazione continuerà. In una conversazione con Bloomberg, il mercenario ed ex militare statunitense ha confermato che questi gruppi avevano l'obiettivo di catturare e rovesciare il presidente venezuelano.

 

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sottolineato che il suo governo non ha alcuna responsabilità per l'incursione marittima in Venezuela.

 

I punti salienti della conferenza di Maduro

 

Tramite il proprio profilo sul social network Facebook il portale informativo Mision Verdad ha riassunto gli 11 punti salienti della conferenza di Nicolás Maduro con la stampa internazionale. 

 

1- "L'operazione Gedeone” è stata ordinata da Trump, appaltata dal Dipartimento di Stato e attuata dalla DEA.

 

2- Mike Pompeo ha dichiarato oggi che il Dipartimento di Stato non ha avuto un coinvolgimento diretto. Sarebbe necessario chiedere se hanno avuto una partecipazione indiretta.

 

3- Il timoniere della seconda barca catturata a Chuao, è stato arrestato oggi 6 maggio a Cepe, nelle prime ore del mattino.

 

4- La testimonianza di uno degli statunitensi catturati rivela che sono stati assoldati per l'operazione da dicembre e che hanno viaggiato in Colombia a gennaio.

 

5- Il mercenario Luke Denman, militare statunitense coinvolto nel fallito raid, ha dichiarato che gli è stato offerto un ingaggio tra 50 mila e 100 mila dollari.

 

6- Il compito di Denman era quello di prendere il controllo di un aeroporto in Aragua, uno degli aerei che sarebbero entrati in quell'aeroporto, sarebbe stato utilizzato per rimuovere il presidente Nicolás Maduro dal paese.

 

7- A Bogotá, in questo momento, si trovano Juvenal Sequea, Hernán Alemán e Alexander Ruso. Iván Duque li espellerà perché non vuole avere niente a che fare con coloro che hanno fallito.

 

8- Un rapporto sarà rilasciato dal Ministero degli Esteri venezuelano, con i video, le dichiarazioni e il contratto firmato (Guaidó e Silvercorp), come prova che andrà ad aggiungersi alla causa contro Trump a L'Aia.

 

9- Il Presidente riconosce le capacità di tutte le agenzie di intelligence, militari e di polizia del Venezuela che hanno permesso di smantellare i piani.

 

10- È coinvolto il governo di Iván Duque, che fornisce protezione ai mercenari di entrambi i campi di addestramento, quello di Río Hacha e dell'alta colombiana Guajira. «Non dovevi farlo e sei stato scoperto».

 

11- Uno dei mercenari catturati riconosce nella sua dichiarazione che gli atti violenti scatenati a Petare negli ultimi giorni, corrispondenti allo stesso piano mercenario, avevano lo scopo di distrarre l'attenzione della polizia dalle organizzazioni venezuelane.

Fonte: Alba Ciudad - AVN - Mision Verdad
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa