Venezuela: terrorista confessa di ricevere vestiti e denaro per gli atti vandalici

Venezuela: terrorista confessa di ricevere vestiti e denaro per gli atti vandalici

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



di Fabrizio Verde
 

La narrazione post-veritiera del circuito mainstream racconta di un Venezuela dove la popolazione è in rivolta contro un governo autoritario e inetto. La realtà sul campo falsifica questa ricostruzione mistificatoria, in realtà l’opposizione che non ha mai abbandonato la attitudine golpista, cerca la destabilizzazione con tutti i mezzi a disposizione. Per fare questo dispone anche di fondi ingenti per provvedere a ingaggiare manifestanti e aspiranti terroristi. 

 

Attraverso un video che circola sulle reti sociali, viene mostrato uno dei terroristi che tiene sotto scacco gli abitanti di Altamira e Bello Monte (Caracas) che riconosce di essere remunerato dall’estrema destra venezuelana. Un’ennesima prova che smentisce la retorica sui giovani che lottano per la libertà e la democrazia. 

 

«Hanno confessato! Con denaro, vestiti e cibo, vengono pagati i ‘guardiani’ notturni del terrorismo ad Altamira e Bello Monte. Diffondete!», questo è il messaggio dell’utente @Orlenys07 che condivide il video.   

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti