Video. La Palestina ha ricevuto 100.000 vaccini Sinopharm, donati dalla Cina

Video. La Palestina ha ricevuto 100.000 vaccini Sinopharm, donati dalla Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Palestina ha ricevuto 100.000 dosi di vaccini COVID-19, donati dalla Cina, per accelerare la sua campagna di inoculazione, ritardata dal blocco israeliano.

Secondo quanto riportato ieri dall'agenzia di stampa statale palestinese WAFA, il ministro della Salute palestinese Mai al-Kaila ha descritto la spedizione come la più grande donazione di vaccini COVID-19 che il suo paese abbia mai ricevuto e ha ringraziato il popolo e il governo cinese per questo atto di generosità.

"Questi vaccini contribuiranno notevolmente all'accelerazione della campagna di vaccinazione della popolazione in Palestina" , ha sottolineato il ministro palestinese alla presenza dell'ambasciatore cinese in Palestina, Guo Wei, durante una conferenza stampa congiunta tenutasi a Ramallah.

Da parte sua, Guo ha sottolineato che il lotto Sinopharm rappresenta la promessa fatta da Pechino di mettere i vaccini al servizio della popolazione mondiale e "sostenere pienamente gli sforzi dell'ANP nella sua lotta al coronavirus".

Inoltre, ha espresso la volontà del gigante asiatico di lavorare con la Palestina per affrontare insieme le sfide globali e costruire uno stretto rapporto che dura a lungo tra le due nazioni.

Oltre alle 100.000 dosi di Sinopharm consegnate, l'ANP ha ricevuto 61.000 dosi di Pfizer e AstraZeneca dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a metà di questo mese attraverso il meccanismo COVAX, oltre a 10.000 Sputnik V donati dalla Russia negli ultimi mesi. .

In assenza di lotti più grandi, l'ANP continua con una lenta campagna di vaccinazione iniziata poco più di una settimana fa nella Cisgiordania occupata, con circa tre milioni di abitanti.

Infatti, venerdì scorso, il responsabile della sanità palestinese ha lamentato che solo 16.262 persone erano state vaccinate in Cisgiordania e 17.272 nella Striscia di Gaza, mentre, secondo i rapporti, più della metà degli israeliani nei territori occupati dal regime di Tel. Aviv aveva già ricevuto entrambe le dosi del vaccino Pfizer / BioNTech.

Mentre i media occidentali esaltano il modello israeliano per le vaccinazione, non sono mancate critiche alle autorità israeliane in quanto non rispettato i suoi "obblighi" non assicurando le dosi sufficienti di vaccino contro il COVID-19 alla popolazione palestinese nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza assediata. Come al solito, il regime di Tel Aviv ha ignorato tali richieste umanitarie.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia