Yemen. USA e Regno Unito attaccano decine di obiettivi. Houthi: “non rinunceremo ad appoggiare la Palestina”

Yemen. USA e Regno Unito attaccano decine di obiettivi. Houthi: “non rinunceremo ad appoggiare la Palestina”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli Stati Uniti e il Regno Unito, sostenuti da Australia, Bahrein, Canada, Danimarca, Paesi Bassi e Nuova Zelanda, hanno lanciato, la scorsa notte, un "round aggiuntivo" di attacchi contro 36 obiettivi dei ribelli Houthi situati in 13 città nel territorio dello Yemen. Lo ha riferito il Dipartimento della Difesa americano.

 

Secondo il Pentagono, gli attacchi sono avvenuti in risposta agli attacchi del gruppo contro navi mercantili e da guerra in transito nel Mar Rosso.

Tra le strutture Houthi colpite ci sono magazzini sotterranei di armi, sistemi missilistici e lanciatori, sistemi di difesa aerea e radar, precisa l'istituzione in una nota.

"Riconoscendo l'ampio consenso della comunità internazionale, la nostra coalizione di paesi che la pensano allo stesso modo e impegnati a difendere l'ordine basato sulle regole ha continuato a crescere", ha affermato il Dipartimento della Difesa. "Il nostro obiettivo resta quello di ridurre le tensioni e ripristinare la stabilità nel Mar Rosso", ha sottolineato.

 

Allo stesso modo, il Pentagono ha ribadito il suo avvertimento al gruppo ribelle, ribadendo che non esiterà a continuare “a difendere vite umane e il libero flusso del commercio in una delle vie navigabili più critiche del mondo, di fronte alle continue minacce”.

Secondo Sky News, nell'ultima ondata di bombardamenti gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno utilizzato  almeno 24 aerei , decollati da portaerei e basi nella regione.

Da parte sua, il Ministero della Difesa del Regno Unito ha indicato che l'operazione ha coinvolto aerei Typhoon FGR4 dell'aeronautica britannica, supportati da aerei cisterna Voyager. Si aggiunge che le bombe guidate di precisione Paveway IV ssono state usate contro diversi obiettivi militari.

"Come è prassi standard in questo tipo di operazioni della Royal Air Force, gli attacchi sono stati attentamente pianificati per garantire il minimo rischio di vittime civili e, con i bombardamenti notturni, tale rischio è stato ulteriormente mitigato”, secondo l'organizzazione britannica.

Yemen: gli attacchi degli Stati Uniti e dei loro alleati non rimarranno senza risposta

Lo Yemen ha avvertito che gli attacchi aerei degli Stati Uniti e del Regno Unito contro il paese arabo non rimarranno senza risposta.

"Gli aggressori americani e britannici hanno attaccato 48 volte le aree della città di Sanaa, la capitale dello Yemen, Hodeidah, Saada, Al-Bayda, Taiz e Lahij", ha ricordayo il portavoce delle forze armate yemenite Yahya Sari.

Yahya ha continuato avvertendo che questi attacchi non impediranno alle forze e al popolo dello Yemen di rinunciare al loro sostegno ai palestinesi contro l'occupazione e i crimini dei sionisti, e che gli attacchi degli aggressori non rimarranno senza risposta.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti