Con gli Europei di calcio, finalmente in Italia ci accorgiamo che a Parigi si lotta per il lavoro

Con gli Europei di calcio, finalmente in Italia ci accorgiamo che a Parigi si lotta per il lavoro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Ornella Bertorotta*

Finalmente i giornali si accorgono che a Parigi sono in corso le più imponenti manifestazioni contro la legge sul lavoro che la Francia ricordi da anni. 
 
Segui in diretta https://www.rt.com/on-air/paris-labour-reform-protesters/
 
Attentissimi a riportare nell'ordine: piena della Senna, scontri tra ultrà, omicidi rivendicati come atti di terrorismo, finalmente sulle prime pagine italiane on line arriva il confronto tra Governo e lavoratori, ovviamente in salsa "i cattivi fanno scontri". 
 
Poco o nulla abbiamo letto in questi mesi delle intense manifestazioni che si sono susseguite settimana dopo settimana da marzo. 
 
Non ho alcun dubbio che sui giornali di questa giornata rimarranno solo scontri, immagini di vetrine rotte e teste spaccate, critiche ai blocchi della fornitura di energia. 
 
Se però quando si protesta pacificamente non si viene nemmeno considerati, se quando si chiama uno sciopero generale ( la CGIL non ricorda più nemmeno come si fa) si viene accusati di bloccare il Paese, se quando si scende in piazza si viene accolti da veri e propri eserciti incuranti di scatenare il panico tra i manifestanti, con cariche e lacrimogeni, cosa rimane ai cittadini per fare sentire la propria voce e soprattutto su quale leggittimità i governi possono decidere sulla pelle degli altri, quando sono palesemente in minoranza? 
 
Mi sento molto vicina al popolo francese, alla lotta dei cittadini, degli studenti e dei lavoratori contro una legge ingiusta che, come abbiamo visto in Italia, non produrrà occupazione, ma maggiore precarietà. 
 
Ieri sono usciti i dati demografici che dipingono un'Italia povera anche di nascite, con un saldo negativo tra immigrati e emigrati ( gli italiani che se ne vanno sono più dei migranti che arrivano). 
 
Se non si danno garanzie ai milioni di lavoratori, partite iva o dipendenti che essi siano, siamo destinati a scomparire nel giro di pochi decenni. 
 
Il lavoro non è solo un diritto, non è solo un dovere, è l'architrave su cui le società stabiliscono una convivenza civile e sociale, su cui possono poggiarsi i sogni per un futuro migliore. 
 
Intanto provano a distrarci con omicidi che diventano atti di terrorismo, che rubano le prime pagine alla gente che manifesta, che impongono un clima di terrore. 
 
Oggi i politici che si sono piegati alle esigenze dei grandi gruppi finanziari non hanno più sogni da vendere, ma giurano di proteggerci dagli incubi del terrorismo. 
 
Noi invece vogliamo tornare a sognare, una società in cui le sicurezze per il futuro siano il lavoro, la casa, i servizi, ovvero la base su cui progettare la propria vita, in serenità.

*Senatrice M5S. Post Facebook del 14 giugno 2016

 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti