Localizzazione e economia della felicità: Carlo Sibilia intervista Helena Norberg-Hodge

Localizzazione e economia della felicità: Carlo Sibilia intervista Helena Norberg-Hodge

In occasione dell'incontro del 15 marzo a Bangalore è stata redatta una Carta simbolo di un modello si sviluppo alternativo possibile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
 
Il 15 marzo scorso si è svolta a Bangalore, in India, la terza Conferenza sull'economia della felicità, a cui hanno partecipato oltre mille delegati da tutto il mondo. A rappresentare l'Italia e nello specifico il Movimento Cinque Stelle, è stato Carlo Sibilia, invitato dalla promotrice Helena Norberg-Hodge. Il deputato descriveva con un post di Facebook l'avvenimento in questo modo: "Dobbiamo capire che tutto questo non si può fermare. Il mondo è in fermento. E insieme lo cambieremo togliendo il profitto economico dal centro della politica e lasciandolo al cittadino. Da Globalizzazione a localizzazione". 



 
La globalizzazione, spiega Helena Norberg-Hodge nel suo discorso di presentazione dell'avvenimento, è un sistema mostruoso che molte persone non hanno ancora compreso. "Anche i nostri ministri delle finanze che promuovono maggiore deregolamentazione commerciale e finanziaria non hanno ancora capito o riconosciuto le conseguenze su società e ecosistemi".
 
In questa video-intervista rilasciata a Carlo Sibilia a Bangalore, Helena Norberg-Hodge, fondatrice e direttrice del ”International Society for Ecology and Culture” (ISEC) e vincitrice del Right Livelihood Award, espone il suo pensiero sulla localizzazione:
 
 
 
 
Al termine dei lavori della Conferenza è stato redatto un documento, inedito in Italia, sintesi meravigliosa di anni di ricerche e esperienze sul territorio delle diverse realtà incontratesi in India: la "Costituzione della Localizzazione" - Localization: a Draft declaration. Non c'è un testo più chiaro e efficace al momento secondo noi per comprendere i danni che l'attuale sistema economico-finanziario in mano a un gruppo molto ristretto di corporazioni e istituti finanziari globali ha prodotto sulla vita di centinaia di milioni di cittadini di tutto il mondo.
 
 
 
 
"La Costituzione della Localizzazione"
 
La Globalizzazione, o la deregolamentazione del mercato e della finanza internazionale, ha permesso a un piccolo gruppo di corporazioni, banche e speculatori finanziari globali di divenire più potenti dei governi sovrani. Essi usano la loro influenza per ottenere agevolazioni fiscali e sussidi, per indirizzare a loro favore i regolamenti e le regole di mercato, per imporre il debito, manipolare il valore delle monete e – quando le cose vanno male – per estorcere immensi salvataggi ai contribuenti. 
 
Per la grande maggioranza delle persone, la globalizzazione ha significato maggiore competizione per lavori scarsi e una caduta dei salari e dei benefici. Essa ha rimpiazzato le responsabilità della cittadinanza con un obbligo al consumo; ha significato un mondo omogeneizzato in cui la diversità culturale viene erosa per valere dell'efficienza globale del mondo degli affari; ha letteralmente portato alla bancarotta gli stati nazionali; ha significato la morte dei sistemi di conoscenza locale simboleggiati da milleni di adattamento a luoghi particolari. Essa ha, infine, minacciato le fondamenta stessa della democrazia.
 
Per il mondo naturale, la globalizzazione è stata una catastrofe. Intorno al pianeta, aree selvagge e fragili ecosistemi vengono sacrificati sull'altare della crescita globale. Un numero sempre maggiore di specie viene guidata verso l'estinzione, e i cambiamenti climatici si stanno intensificando. Dagli atomi al Dna degli organismi viventi essa è stata modificata.


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 
Nell'economia globale, ogni cosa è in vendita, nulla, sembra, sacro. Nonostante la retorica dell'inevitabilità che la supporta, la globalizzazione è un processo politico di cambiamento pianificato. E' guidato dalle politiche dei governi che supportano l'agenda dei profitti delle grandi aziende e delle grandi banche. Queste politiche includono la deregolamentazione del commercio internazionale e delle finanze attraverso gli accordi di "libero mercato" e comportano che la costruzione della rete di trasporti, di comunicazione e delle infrastrutture dell'educazione siano legati ai bisogni delle grandi corporazioni, comportano il sovra-regolamento delle imprese locali e l'uso di riferimenti ingannevoli come il Pil.
 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Noi qui di seguito rigettiamo i miti su cui la globalizzazione economica si è costruita:
 
Rigettiamo il mito che la globalizzazione sia evolutiva e inevitabile. La globalizzazione è invece il prodotto di politiche dei governi che sistematicamente favoriscono i grandi sui piccoli e sui locali.
 
Rigettiamo il mito che la globalizzazione sta creando un "villaggio globale" di pace e di intenti comuni. Sta in realtà sottolineando la competizione per i lavori scarsi e un ristretto numero di commodities globali, aumentando il conflitto e minando l'identità culturale ed individuale in tutto il mondo.
 
Rigettiamo il mito che "il business su larga scala" sia più efficiente. L'efficienza del business globale è un'illusione costruita sui sussidi dei governi, le agevolazioni fiscali e sull'abilità delle corporazioni di spostare i loro costi sociali e ecologici sulle persone e sulla natura.
 
Rigettiamo il mito che specializzare l'economia per favorire le esportazioni conduca alla creazione di lavoro e benessere. Le economie export-led distruggono in realtà i mezzi di sostentamento, impoveriscono i molti mentre concentrano il benessere nelle mani di pochi.
 
Rigettiamo il mito che i progressi nell'high tech siano sempre positivi. Ingegneria genetica, potenza nucleare, nano tecnologia servono ad aumentare il potere delle TNC (Transnational Corporations – Corporazioni transnazionali) e intensificare la nostra dipendenza su di loro, mentre aumentano esponenzialmente lo sfruttamento del mondo naturale.
 
Rigettiamo il mito che la scelta sia tra grandi aziende e grandi governi. Ridurre la scala dell'attività economica ci permetterebbe di ridurre anche la scala del governo.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dichiariamo che la localizzazione dell'attività economica è in questo momento richiesta in modo urgente: un prerequisito per risolvere le nostri crisi sociali ed ecologiche più serie.
 
Localizzazione significa la re-regolamentazione del commercio e della finanza globale e una deregolamentazione del commercio e delle finanze locali. Molti regolamenti sono stati attuati per gli abusi di imprese grandi e globali, ma hanno l'effetto di strangolare quelle più piccole e sostenibili.
 
Localizzazione vuol dire ridurre i poteri di TNC e banche. Questo aiuterebbe a aumentare la responsabilità giuridica del mondo degli affari e ridurre l'erosione della democrazia.
 
Localizzazione significa ridurre la distanza tra produttori e consumatori, diversificare e decentralizzare l'attività economica. Questo renderebbe le economie più resistenti e stabili e favorirebbe nuove opportunità per la maggioranza.
 
Localizzazione significa rafforzare gli affari su scala umana, specialmente per i bisogni essenziali come cibo, acqua, energia ma anche l'abitare, il settore del credito, la salute e i media. Questo significa centinaia di migliaia di imprese più piccole, piuttosto che pochi monopoli gestiti dalle corporazioni.
 
Localizzazione significa investire più sul lavoro umano, meno in energia e tecnologia. Questo significa più prosperità locale e una riduzione nell'uso di risorse e inquinamento.
 
Localizzazione significa meno trasporti, pacchi e processi di produzione. Questo ridurrebbe in modo significativo l'impronta ecologica umana, in particolare per le emissioni di CO2.
 
Localizzazione significa adattare l'attività economica alle diversità degli eco-sistemi. Questo aiuterebbe a restaurare sia la diversità biologica che culturale.
 
Localizzazione incoraggia una connessione più profonda tra le persone e la natura. Questa connessione è non solo necessaria per il nostro essere fisico e spirituale, ma è essenziale per comprendere la natura olistica intorno a noi.
Per queste ragioni invitiamo i governi a prendere i passi necessari per svincolarsi dalla morsa di mobili corporazioni irresponsabili legalmente e delle istituzioni finanziarie, spostandosi immediatamente dal globale al locale.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Invitiamo i governi a rinegoziare i trattati commerciali per regolare le banche e le corporazioni globali. I cosiddetti trattati di "libero commercio" hanno dato alle TNC la capacità di spingere le nazioni una contro l'altra, sventrando leggi e regolamenti che proteggono il lavoro, le risorse e l'ambiente.
 
Invitiamo i governi a spostare le tasse e i sussidi che attualmente favoriscono ciò che è grande e globale. Piuttosto che tassare pesantemente il lavoro mentre si sussidiano l'uso di energia e tecnologia, le politiche devono promuovere la creazione del lavoro e i mezzi di sostentamento, minimizzare lo spreco di energia e altre risorse.
 
Invitiamo i governi a spostare gli investimenti pubblici in infrastrutture che attualmente favoriscono il grande e il globale. Miliardi di dollari vengono ancora investiti nel creare e migliorare infrastrutture basate sul mercato – grandi autostrade, terminal per navi e aeroporti – mentre i bisogni delle economie locali vengono negati.
 
Invitiamo i governi a controllare e regolare la creazione di saldi e debito. Lasciando questi elementi chiave delle economie moderne nelle mani di banche e istituzioni finanziarie che non hanno alcun controllo giuridico ha condotto alla speculazione avventata e al collasso economico, oltre che ad un abisso crescente tra ricchi e poveri.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Questi passaggi porterebbero finalmente i governi dalla parte delle popolazioni di tutto il mondo che stanno lavorando per ricostruire le loro economie, restaurare gli eco-sistemi decimati dal depredare economico, e permettere alle loro identità e culture di sopravvivere all'assalto furioso del consumismo. L'obiettivo è un mondo in cui una moltitudine di imprese fornisca su larga scala lavoro, opportunità e molti dei beni e servizi di cui le persone hanno bisogno; un mondo in cui sia i villaggi che le città possano crescere e in cui la natura possa fiorire.
 
Il sentiero delineato offre la prospettiva di una prosperità reale e durevole, non misurabile dalla crescita del Pil, ma da uno spread umano e ecologico.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti