Le dimissioni di Alloush Mohammed evidenziano la crisi dell'opposizione siriana

Le dimissioni di Alloush Mohammed evidenziano la crisi dell'opposizione siriana

Allush Mohammed, capo negoziatore del gruppo Riad, che si fa chiamare Alta Comitato dei negoziati, si è dimesso dal suo incarico, ufficialmente per la "mancanza di progressi" nei colloqui di pace per la Siria. Molti analisti ritengono, tuttavia, che le dimissioni di Allush sono soltanto un riconoscimento del fallimento e della debolezza nell'attuazione dei desideri dei regimi che servivano.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un altro dei capi della delegazione negoziale, Asaad al Zubi, ha anche lui annunciato le sue dimissioni al Al Hadath TV.


 
Allush, che è anche rappresentante del gruppo terroristico Yaish all'Islam nel gruppo di Riyadh, sostenuto dall'Arabia Saudita, ha dichiartao che i colloqui di pace non sono riusciti a ottenere il rilascio di migliaia di detenuti o a portare la Siria in una transizione politica senza il presidente Bashar al-Assad, come vuole l'Arabia Saudita.
 
Le dimissioni di Allush sono state accettate dal suo coordinatore, Riad Hijab. Nel frattempo, i membri della colazione appoggiata da Riyadh con sede in Turchia hanno chiesto un maggiore sostegno militare ai gruppi armati.
 
Fin dall'inizio, molti analisti hanno sottolineato che Allush mancava  di esperienza politica o diplomatica per i colloqui. La sua nomina, su richiesta del regime saudita, è stato solo il risultato della sua parentela con Zahran Allush leader terrorista, fondatore e leader iconico di Yaish al Islam, che è morto in un attacco aereo siriano il 25 dicembre 2015.
 
Le due parti non hanno comunicato una data per la ripresa dei negoziati dopo che il gruppo Riad ha sospeso la sua partecipazione ai lavori.
 
Il governo siriano non ha riconosciuto il diritto del gruppo Riyad a parlare a nome di tutta l'opposizione, dato che ci sono altri due gruppi: Mosca-Cairo e Hamaimim, che hanno una postura molto più moderata rispetto alle posizioni del gruppo di Riad, al soldo dell'Arabia Saudita e della Turchia. Damasco ritiene che Allush, come capo Yaish Islam è un terrorista.
 
La Russia ha recentemente presentato una proposta alle Nazioni Unite di dichiarare Yaish Islam e un altro gruppo legato ad al-Qaeda, Ahrar al Sham, organizzazioni terroristiche. L'opposizione ipocrita di Stati Uniti, Francia e Regno Unito affinché tali gruppi fossero inclusi nella lista nera delle Nazioni Unite, dimentica che questo gruppo è stato responsabile di attacchi indiscriminati con mortai e razzi contro i civili a Damasco e altri contro l'ambasciata russa. Tuttavia, questo atteggiamento occidentale non ha ingannato l'opinione pubblica internazionale e molto meno la Siria.
 
Sabotaggio Saudita
 
L'Arabia Saudita ha cercato di sabotare i colloqui di Ginevra fin dall'inizio. Nel mese di aprile, il gruppo di Riad ha formalmente sospeso la sua partecipazione ai negoziati in segno di protesta contro le offensive dell'esercito siriano, ma in verità per seguire le linee guida saudite.
 
Le dimissioni di Allush avviene, tuttavia, in un momento in cui gli sponsor politici del terrorismo sono in difficoltà. La Turchia oggi mantiene una guerra su vasta scala con i curdi nel bel mezzo di una crisi politica seguita dalle dimissioni di Ahmet Davutoglu, i crescenti problemi economici e lo scontro di Erdogan con l'opposizione politica, con una parte della popolazione turca e l'influente movimento Fethullah Gülen, che il presidente turco ha recentemente descritto come "terrorista".
 
L'Arabia Saudita, nel frattempo, si trova di fronte un fallimento nella guerra nello Yemen ed in una crescente crisi economica e finanziaria, che non impedisce lo spacconate periodiche contro la Siria attraverso il suo ministro degli Esteri Adel al Jubeir.
 
Allo stesso tempo, i paesi occidentali non vogliono discutere il destino del presidente Bashar al-Assad che, solo i siriani devono stabilire in una elezione.
 
Nel frattempo, l'esercito siriano ha preso tuttea zona nel Sud dell'Est Ghouta, la principale roccaforte di Yaish dell'Islam, che continua ad essere bloccato in una lotta di potere nei confronti di altri gruppi terroristici zona.
 
In effetti, i progressi del esercito siriano ad Aleppo, nel Ghouta orientale e in altri fronti renderà ancora più difficile la posizione dei negoziatori dell'opposizione a qualsiasi negoziato sul futuro della Siria e cambiare il panorama militare e politico.
 

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli