/ AI: Gli USA nascondono i crimini di guerra commessi contro i civi...

AI: Gli USA nascondono i crimini di guerra commessi contro i civili in Somalia

 

La ONG Amnesty International insiste sul fatto che l'amministrazione Trump nasconda e non indaghi sufficientemente su possibili crimini di guerra in Somalia.


Amnesty International assicura che dispone di prove evidenti sul fatto che gli attacchi degli Stati Uniti in Somalia hanno ucciso o ferito almeno 22 persone "in solo cinque dei più di 100 attacchi negli ultimi due anni", secondo un articolo pubblicato oggi sul suo sito ufficiale
 
Nel frattempo, la ONG dei diritti umani accusa il governo degli Stati Uniti di non aver rispettato l'obbligo di condurre un'indagine "imparziale e approfondita" su questi possibili crimini di guerra.
 
"I nostri risultati contraddicono direttamente il mantra del US Army di zero vittime civili in Somalia. Tale affermazione appare ancora più strana se si considera che gli Stati Uniti hanno triplicato i loro attacchi aerei in tutto il paese dal 2016, superando il numero totale di attacchi in Libia e Yemen", ha spiegato il consigliere di Amnesty International sulle armi e le operazioni militari Brian Castner.
 
Da parte sua, il Comando del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti in Africa, nega le accuse di presunte vittime civili nelle sue operazioni in Somalia.La manifestazione pubblica si è prodotta un giorno dopo un'offensiva della US Air Force che ha posto fine alla vita di quattro cittadini somali, secondo AP.
 
Come confermato al media da un anonimo funzionario dell'intelligence degli Stati Uniti, responsabile per l'attacco contro i civili è stato un aereo senza pilota dell'esercito che avrebbe preso di mira un'auto con a bordo presunti miliziani del gruppo islamico Al Shabab, affiliato ad Al Qaeda .
 
Fonte: Amnesty International - AP - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa