AP: Afghanistan, 650 militari Usa resteranno dopo il "ritiro"

AP: Afghanistan, 650 militari Usa resteranno dopo il "ritiro"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Eravamo stati facili profeti lo scorso aprile quando esprimemmo molti dubbi sul ritiro dei militari statunitensi dall'Afghanistan annunciato dal Presidente Joe Biden entro l'11 Settembre 2021. Elencammo tutti gli annunci fatti in questi anni, ricordando quanta acqua, o meglio dire pretesti, sarebbero stati usati per annacquare il ritiro.

A conferma di ciò,  come ha riferito due giorni fa l'Associated Press, un contingente di circa 650 soldati statunitensi rimarrà in Afghanistan per proteggere i diplomatici dopo che il Pentagono avrà completato il ritiro generale delle sue truppe dal Paese asiatico, gran parte del quale avverrà nelle prossime due settimane.

Inoltre, diverse centinaia di militari statunitensi aiuteranno le forze turche a garantire la sicurezza all'aeroporto della capitale afghana, Kabul. 

Queste truppe dovrebbero rimanere sul posto fino alla fine di settembre, mentre la Turchia prepara posti di sicurezza permanenti in quel momento cruciale.

I 650 soldati statunitensi forniranno sicurezza all'ambasciata americana e un  supporto continuo all'aeroporto. Si ipotizza che Washington abbia accettato di lasciare un C-RAM, un sistema anti-razzi, artiglieria e mortaio, all'aeroporto, così come le truppe per gestirlo, come parte di un accordo con la Turchia. 

Tra l'altro, gli Stati Uniti prevedono di lasciare l'equipaggio per il supporto in elicottero all'aerostazione.

Secondo i funzionari, la Turchia ha ampiamente accettato di fornire sicurezza all'aeroporto purché riceva il sostegno delle forze statunitensi. Pertanto, i funzionari militari di entrambi i paesi si incontreranno ad Ankara questa settimana per finalizzare gli accordi.

Così la Turchia, dopo Siria, e Libia e si posiziona in un altro scenario di guerra.

Resta il bluff del ritiro di Washington al quale avevano servilmente abboccato i media mainstream.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...