"Biden sembra confuso": la CNN mette apertamente in dubbio la salute cognitiva del presidente USA

"Biden sembra confuso": la CNN mette apertamente in dubbio la salute cognitiva del presidente USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un corrispondente della CNN ha evidenziato come Joe Biden sia apparso "confuso" durante un'intera intervista poiché ha ripetutamente confuso i test Covid per una pillola antivirale. 

Il commento si riferisce all'intervista di 20 minuti di Biden con David Muir della ABC, durante la quale il presidente ha tentato di difendere la sua risposta alla pandemia e le lamentele secondo cui le persone a New York hanno dovuto sopportare file di cinque ore per sottoporsi a test Covid. 

Biden ha ripetutamente fatto riferimento ai 500 milioni di test a domicilio che erano stati ordinati come "pillole", confondendoli con un nuovo farmaco Pfizer, che è stato approvato a livello federale lo stesso giorno. 

"Ripetutamente durante questa intervista - il presidente Biden sembra confuso e confondeva il mezzo miliardo di test che hanno ordinato con mezzo miliardo di pillole", ha evidenziato Jeff Zeleny, capo corrispondente per gli affari nazionali della CNN.

"Ovviamente, le pillole erano nelle notizie di oggi con l'approvazione dell'anti-virale da parte di Pfizer, quindi si è corretto, ma questa era una cosa che mi ha colpito", ha aggiunto il giornalista statunitense. 

Nell’intervista è stato inoltre chiesto a Biden come l'amministrazione non avesse visto arrivare Omicron, e si è messo a ridere.

“Dove abbiamo sbagliato?”, ha risposto il presidente.

"Nessuno l'ha visto arrivare. Nessuno al mondo. Chi l'ha visto arrivare?”. 

In una delle rare critiche mosse dalla CCN all’amministrazione Biden, Zeleny ha accusato il presidente di "non accettare alcuna responsabilità" per la mancanza di test.

"Abbiamo visto queste immagini in tutto il paese, lunghe file, la difficoltà per sottoporsi a test", ha affermato il giornalista.

"E sì, Omicron è arrivata molto rapidamente qui, ma è passato quasi un mese dal Ringraziamento in cui sapevano che sarebbe successo."

Sono ormai molte persone negli Stati Uniti a chiedersi se Biden sia in uno stato mentale idoneo per candidarsi di nuovo alla presidenza nel 2024, figurarsi se dovesse rimanere in carica fino al al 2028, quando avrà 86 anni. 

"Oltre il 50% di questo paese non crede che sia cognitivamente adatto per essere il nostro comandante in capo e il nostro capo di Stato", ha affermato il deputato Ronny Jackson, ex medico della Casa Bianca sotto il presidente Obama e il presidente Trump, sullo stato cognitivo di Biden. Aggiungendo: “Se qualcuno ha bisogno di un test cognitivo, è questo presidente". 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti