Caso Starlink-Ucraina: la "ribellione" di Musk rappresenta il fallimento del sistema USA

Caso Starlink-Ucraina: la "ribellione" di Musk rappresenta il fallimento del sistema USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’emittente statunitense CNN nel riportare alcuni stralci della biografia di Elon Musk di prossima uscita affermava che nel 2022 questi avrebbe impedito all'Ucraina di attaccare le strutture navali russe vicino alle coste della Crimea spegnendo i satelliti Starlink sulla regione, interrompendo così le comunicazioni con dei droni imbottiti di esplosivo. 

"L'anno scorso, Elon Musk ha detto segretamente ai suoi ingegneri di spegnere il servizio internet satellitare Starlink... vicino alla costa della Crimea per sventare un attacco ucraino furtivo alla marina russa", ha affermato l'emittente televisiva statunitense citando la biografia.

La CNN aggiungeva poi che secondo quanto si apprende nel libro, che sarà pubblicato integralmente il 12 settembre, Musk era preoccupato per una possibile risposta russa all'attacco che le forze armate ucraine stavano pianificando. Secondo l’oligarca statunitense, ciò avrebbe potuto portare a una catastrofe nucleare, quindi decise di fermare gli ucraini con le proprie forze. 

Alle indiscrezioni della CNN hanno però fatto seguito alcuni chiarimenti di Musk. "Le regioni Starlink in questione non sono state attivate. SpaceX non ha disattivato nulla", ha dichiarato Musk sul social network X (ex Twitter). D'altra parte, ha ammesso che in questo contesto "c'è stata una richiesta di emergenza da parte delle autorità governative [ucraine] di attivare Starlink fino a Sebastopoli".

"L'intenzione evidente era quella di affondare la maggior parte della flotta russa alla fonda", ha dichiarato Musk. "Se avessi accettato la loro richiesta, SpaceX sarebbe stata esplicitamente complice di un grave atto di guerra e di un'escalation del conflitto".

Vale la pena notare - scrive RT - che dopo che l'esercito ucraino ha iniziato a utilizzare il servizio internet satellitare Starlink per il controllo dei droni nell'ambito del conflitto con la Russia, l'azienda statunitense SpaceX di proprietà di Elon Musk ha preso provvedimenti per impedirlo. Gwynne Shotwell, presidente e direttore operativo di SpaceX, ha dichiarato nel febbraio 2023 che Starlink non è mai stato progettato per essere utilizzato come arma. "Possiamo fare delle cose per limitare la sua capacità e le abbiamo fatte", affermava Shotwell all'epoca. 

Le reazioni dalla Russia

In Russia, quanto accaduto è stato percepito soprattutto come la prova che nell'attuale élite statunitense - incompetente e fissata sul mantenimento dell'egemonia globale a tutti i costi come afferma Ria Novosti - ci sono ancora persone che conservano il buon senso e un'adeguata percezione della realtà. 

 in questo senso che il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev ha commentato la notizia.

Tuttavia, evidenzia Ria Novosti, forse ancora più importante per la Russia - e per il mondo intero - è un altro aspetto di questa storia. Dopo tutto, come appare la situazione, se viene depurata da valutazioni emotive: un importante uomo d'affari statunitense ha deliberatamente e attivamente sabotato la politica del suo Stato e il suo ordine diretto in un settore di importanza critica. 

E si può aggiungere che l'idea dell'imprenditore è stata concretizzata solo grazie al fatto che questo stesso Stato, a suo tempo, ha riversato nella sua azienda non solo ingenti risorse finanziarie, ma anche colossali sviluppi scientifici, tecnologici e produttivi nella relativa sfera spaziale. 

i pensava che Starlink avrebbe servito la politica e le esigenze dello Stato con uno schiocco di dita. Invece, si è scoperto che Musk ha la sua opinione, che per lui è prioritaria nel processo decisionale.
Naturalmente, ciò che è accaduto riflette il crescente divario ideologico e politico all'interno degli Stati Uniti. Tuttavia, non si tratta solo di Musk. Washington non è ancora riuscita a gestire la crisi del complesso militare-industriale statunitense.

Può sembrare strano: i tempi attuali sono un Klondike per l'industria militare, e per il complesso militare-industriale d'oltreoceano più ricco e super avanzato dovrebbe essere un'età dell'oro. Ed è effettivamente un'età dell'oro. Di quale crisi si può parlare in una situazione del genere? Tutto è molto semplice: l'amministrazione Biden, nonostante tutti gli sforzi compiuti, non è ancora riuscita a rispondere alla capacità richiesta la produzione di quelle armi, la cui necessità è stata rivelata dal conflitto in Ucraina.

E questo, a sua volta, è una conseguenza del fatto che per le aziende militari USA non è redditizio produrle.

In tal senso l’analisi di Ria Novosti individua precisamente i limiti di un sistema come quello statunitense: “In passato, il Pentagono aveva decine di appaltatori, ma alla fine del secolo scorso il mercato del complesso militare-industriale si è consolidato e praticamente monopolizzato nelle mani di cinque società. Queste aziende beneficiano di decine e centinaia di miliardi di dollari per sviluppare, perfezionare, rielaborare e mettere a punto all'infinito nuove meraviglie, siano esse i caccia F-35 o i cacciatorpediniere Zumwalt. Sullo sfondo della pioggia di dollari che si sta riversando su questi armamenti, l'aumento della produzione di armi semplici ed economiche come i proiettili d'artiglieria dei calibri più popolari semplicemente non sembra abbastanza attraente dal punto di vista economico per queste aziende. I margini sono ridotti. Niente di politico, solo affari.


Di conseguenza, lo Stato USA ha lottato a lungo per risolvere questo problema, ma non si è ancora vista una svolta. Allo stesso tempo, la Russia ha affrontato con successo una sfida simile lanciando il proprio complesso militare-industriale a pieno regime, sia moltiplicando la produzione decennale di "vecchietti" collaudati, sia padroneggiando competenze qualitativamente nuove (ad esempio, la produzione di massa di droni)”.

Quindi il comportamento di Musk incarna perfettamente un sistema sballato dove contano solo gli affari e non le esigenze statali: “Se consideriamo la "ribellione" di Musk da questa prospettiva, le differenze ideologiche e politiche tra l'imprenditore e l'attuale amministrazione passano in secondo piano. In cima alla lista c'è l'efficienza dello Stato, l'efficienza del suo sistema di gestione, la capacità dello stesso "governo" di far sì che le strutture subordinate (e Starlink e Ilon Musk, nonostante il loro status formalmente indipendente e commerciale, sono anch'esse strutture subordinate) facciano ciò che viene loro ordinato.

È proprio qui che si concentra il problema principale degli Stati Uniti. La situazione è ancora più spiacevole per loro, perché una maggiore efficienza - basata su flessibilità, intraprendenza, iniziativa, assertività come qualità native statunitensi - era il vantaggio che un tempo garantiva il loro successo. Tuttavia, è chiaro che tutto questo è il passato: i vantaggi dell'approccio manageriale USA si sono trasformati in gravi problemi che minacciano di far crollare il sistema”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"BERSAGLI" - 11. Io e Te di Giovanna Nigi "BERSAGLI" - 11. Io e Te

"BERSAGLI" - 11. Io e Te

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili" di Paolo Desogus Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano" di Francesco Santoianni 7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano"

7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano"

Gaza. Le parole da "giardiniere" di Borrell sugli aiuti umanitari di Marinella Mondaini Gaza. Le parole da "giardiniere" di Borrell sugli aiuti umanitari

Gaza. Le parole da "giardiniere" di Borrell sugli aiuti umanitari

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro di Emanuele Dessì NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Sul femminicidio di Marco De Angelis Sul femminicidio

Sul femminicidio

Al principio era la crisi economica.... di Antonio Di Siena Al principio era la crisi economica....

Al principio era la crisi economica....

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole di Gilberto Trombetta Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO di Michelangelo Severgnini NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Dalla caccia, all'asta del Che Dalla caccia, all'asta del Che

Dalla caccia, all'asta del Che

A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte) di Giuseppe Masala A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte)

A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte)

La Francia vieta WhatsApp ai ministri di  Leo Essen La Francia vieta WhatsApp ai ministri

La Francia vieta WhatsApp ai ministri

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese di Paolo Arigotti L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese

La causa occidentale della Guerra in Ucraina di Damiano Mazzotti La causa occidentale della Guerra in Ucraina

La causa occidentale della Guerra in Ucraina