Complottisti scatenati. I russi ora sarebbero anche dietro Sanders

Complottisti scatenati. I russi ora sarebbero anche dietro Sanders

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Francesco Erspamer

Il giorno prima delle primarie in Nevada cosa fanno i media americani, a cominciare dal prestigioso New York Times? Sbattono in prima pagina o fra le breaking news la notizia che secondo fonti che non rivelano, la Russia “avrebbe intenzione” di aiutare la campagna di Bernie Sanders. A sua insaputa ma non importa: primo, perché gli americani reagiscono ai titoli e raramente fanno la fatica di leggere l’articolo o prestare attenzione all’intero servizio; i 140 caratteri di Twitter sono la soglia massima di attenzione di buona parte di loro. Secondo, perché ciò che viene suggerito è che se Sanders piace a Putin è perché è antiamericano; il che in parte è vero se si consideri l’aggettivo “americano” un sinonimo di avido, rampante, qualunquista e individualista.

Davvero i media sono ormai il vero potere, parte integrante e indispensabile della più opprimente tirannia che il mondo abbia mai conosciuto, quella finanziaria, esercitata da una classe dirigente squallida e incapace di qualsiasi altra azione che non sia la moltiplicazione del denaro stesso. Come aveva previsto George Orwell, la fine della civiltà (e in prospettiva della nostra specie) è conseguenza dell’abbandono da parte della gente delle capacità critiche del pensiero e del linguaggio.

Smettetela dunque di biasimare l’Italia. Non si tratta di Italia ma di liberismo, importato dal mondo anglosassone (Reagan e Thatcher furono i suoi profeti). Ovunque questo virus si diffonda agisce allo stesso modo: uccide le altre culture, le economie regionali, le comunità, le loro tradizioni, religioni, istituzioni, approfittando di difese immunitarie indebolite dal consumismo globalista e dal mito liberal dell’omogeneizzazione – imagine there’s no countries and no religion too, diceva un altro loro oracolo.

La soluzione? Forse non c’è: sono troppo forti. Ma si può cominciare con il disprezzo sociale nei confronti dei giornalisti, e non in quanto pennivendoli al servizio dei padroni ma in quanto padroni. E con partiti che nei loro programmi elettorali e di governo pongano al primo posto una rigorosa regolamentazione della stampa e delle televisioni, senza ricorrere alla censura (che verrebbe usata contro chi protesta) ma a drastici tetti alla pubblicità (ormai mero strumento di corruzione) e un assoluto divieto di posedere o controllare più di una testata.

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti