/ CPI chiede arresto immediato per Saif al Islam Gheddafi

CPI chiede arresto immediato per Saif al Islam Gheddafi

 

La Corte penale internazionale (CPI) ha chiesto l'arresto immediato di Saif al-Islam, il secondo figlio di Muammar Gaddafi, recentemente rilasciato.


Attraverso un comunicato, il procuratore della Corte penale internazionale, Fatou Bensouda, ha dichiarato che Saif al-Islam dove essere arrestato per crimini contro l'umanità.
 
Il mandato d'arresto contro  Saif al-Islam emesso nel 2011"resta in vigore e la Libia dovrebbe procedere immediatamente all'arresto di Gheddafi per consegnarlo alla CPI, indipendentemente da qualsiasi legge di amnistia presunta", ha precisato Bensouda.
 
facebook.com/abubakrelseddiq/photos/a.1481614628810969.1073741828.1481235075515591/1695806494058447/?type=3&theater">In una dichiarazione pubblicata sabato scorso dalla milizia libica Abu Bakr al-Sediq, uno dei gruppi armati che controllano la città di Zenten (luogo di detenzione di Saif al-Islam), ha comunicato che il secondo figlio del leader libico Muammar Gheddafi era stato liberato il giorno precedente, in seguito ad una legge di amnistia emanata dal Parlamento stabilito nella Libia orientale.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa