Cuba denuncia e smaschera la campagna di manipolazione intorno a José Daniel Ferrer (VIDEO)

Cuba denuncia e smaschera la campagna di manipolazione intorno a José Daniel Ferrer (VIDEO)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un servizio trasmesso dalla TV Cubana mostra la manipolazione mediatica e politica, le menzogne e lo show montato sulla vicenda di José Daniel Ferrer, un mercenario finanziato e addestrato dal governo degli Stati Uniti. 

 

Arrestato per aver sequestrato e percosso brutalmente un altro cittadino cubano. 

 

Ovviamente la stampa mainstream descrive Ferrer come un dissidente vittima della tirannia cubana. Andiamo quindi a vedere il suo profilo tracciato da Cubainformacion.

 

Ferrer è il leader di UNPACU, un gruppo finanziato dalla Cuban American National Foundation, un'entità creata a Miami nel 1981 da Ronald Reagan. Come egli stesso ha riconosciuto in un dibattito televisivo: "Chi vi finanzia?”, chiedeva il presentatore. "(Abbiamo) diverse fonti", rispondeva Ferrer. Una, un'organizzazione di qui (Miami), chiamata Cuban American National Foundation”. "La Fondazione nazionale cubano-americana - chiarisce il giornalista Edmundo García - riceve denaro dal governo degli Stati Uniti e quindi ve lo trasmette. Pertanto sono soldi dal governo degli Stati Uniti, qualcosa di totalmente illegittimo. Se ciò che ricevi lì, a Cuba, che il governo degli Stati Uniti ti manda, accadesse al contrario, se qualcuno ti invia denaro da qui, attraverso un'organizzazione, proveniente da qualsiasi governo, russo, cinese o cubano, andresti in prigione. E andresti in prigione per 30, 40 o 50 anni. Perché questo reato è definito mercenariato”.

 

Louise Tillotson, rappresentante di Amnesty International, fece una curiosa difesa di Ferrer, riconoscendo che il suo "attivismo" è "a sostegno delle misure adottate dal presidente Trump" contro Cuba. Misure - ricordiamo - che oggi stanno causando una carenza di prodotti e restrizioni elettriche e di trasporto sull'isola. Sostenere la guerra economica di una potenza straniera, in qualsiasi paese del mondo, è un crimine severamente punito.

 

Ma no José Daniel Ferrer non è stato arrestato per questo motivo. Bensì per il rapimento e le ferite causate da un pestaggio, il 20 settembre, al cittadino cubano Sergio García, che ha denunciato i fatti.

 

La stampa mainstream ripete le bugie dell'ambasciata nordamericana e dei gruppi "dissidenti" che sponsorizza e finanzia: che Ferrer è stato “desaparecido”, che è stato "torturato", che il "regime" ha introdotto un sicario con un'arma bianca per ucciderlo, che non gli vengono dati i farmaci... Tutto il dramma dell'orrore dei "sotterranei" del "Castrismo”.

 

Nel frattempo, a Miami, i seguaci "democratici" di Ferrer sostengono il colpo di Stato e la dittatura imposta in Bolivia e vaticinano - per l'ennesima volta - "un effetto domino" su Cuba.

 

Dal Parlamento europeo, la vicepresidente per l'America Latina, Dita Charanzová, rilancia vecchie minacce: l'accordo (cooperazione europea) con Cuba recentemente firmato deve essere - ha detto - uno "strumento di pressione" per il rilascio di un "uomo ammirevole".

 

Un "uomo ammirevole" la cui storia di violenza è completamente messa a tacere dalla stampa. Ferrer stesso ha legittimato una delle tante aggressioni commesse contro i cosiddetti "compagni di banda”: "Ho affrontato il diffamatore e calunniatore Roberto Ayala, e siccome non mi gusta e non voglio essere un politico tradizionale, l'ho buttato fuori di qui, ho affrontato il problema da solo e l'ho preso a pugni”.

 

In ogni caso, il suo crimine principale è un altro. In quale luogo del mondo sarebbe libero chi legittima e sostiene il blocco economico di una potenza, e lo fa con i soldi che riceve da questa? La risposta è chiara: in qualsiasi altro posto nel mondo, da anni il mercenario José Daniel Ferrer sarebbe già stato condannato... e in prigione.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO