Dal Donbass denunciano l'arrivo di militanti neonazisti dall'Ucraina

Dal Donbass denunciano l'arrivo di militanti neonazisti dall'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nel Donbass, nell'area di un insediamento controllato dall'esercito ucraino, sono stati nuovamente avvistati membri neonazisti appartenenti all’organizzazione nota come ‘Settore Destro’. A denunciarlo è Eduard Basurin, vice capo della Milizia popolare della Repubblica Popolare di Donetsk. 

“La presenza di esponenti di Settore Destro (Pravyj Sektor) nell'area di responsabilità del primo battaglione separato del Corpo dei Marines della 36a brigata (Forze armate dell'Ucraina) nell'area di ??l'insediamento di Pavlopol è stato confermato”, ha precisato il rappresentante del dipartimento.

Secondo la Milizia Popolare, i membri del gruppo neonazista sono accompagnati da ufficiali del 74° Centro per l'informazione e le operazioni psicologiche e una troupe di Channel 5 ucraino. 

"È interessante notare che durante le riprese di storie provocatorie, i nazionalisti rilasciano interviste, presentandosi come militari", ha aggiunto Basurin.

Basurin ha anche affermato che gli osservatori della DPR hanno registrato la consegna di munizioni alle postazioni dell'esercito ucraino in un'auto con i simboli della rappresentanza di Kiev nel Centro congiunto per il controllo e il coordinamento del regime di cessate il fuoco.

Non è la prima volta che la Milizia Popolare del DPR individua nel Donbass militanti di “Settore Destro”. 

In precedenza Basurin aveva affermato che 20 membri dell'organizzazione sono stati trovati nell'area controllata da Kiev, Novgorodsky. Il dipartimento non ha escluso provocazioni in direzione di Gorlovka.

Settore Destro è un'associazione ucraina di organizzazioni nazionaliste radicali. A gennaio e febbraio 2014, i militanti del movimento hanno partecipato a scontri con le forze di sicurezza e all’assalto di edifici amministrativi e, da aprile, alla repressione delle proteste nell'Ucraina orientale.

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo