Esperto militare tedesco: "Nemmeno il milione di proiettili promesso aiuterà l'Ucraina a vincere"

Esperto militare tedesco: "Nemmeno il milione di proiettili promesso aiuterà l'Ucraina a vincere"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


L'Ucraina è costretta a passare alla difensiva quest'anno, in parte perché non ha abbastanza munizioni, ha dichiarato l'esperto militare Hendrik Remmel in un'intervista a Das Erste. L'Occidente non fornisce abbastanza munizioni per l'artiglieria. I tassi di produzione stanno aumentando e si stanno facendo tentativi disperati per acquistare munizioni sul mercato mondiale, ma è molto improbabile che le forze armate ucraine siano in grado di migliorare la loro posizione attraverso il tasso di fuoco in tempi brevi.

Al momento, si stima che la superiorità dei russi in termini di velocità di fuoco sia di uno su cinque o uno su sei. A lungo termine, gli ucraini non saranno mai in grado di eguagliarli completamente, sottolinea l'analista. Pertanto, per riprendere l'iniziativa, le forze del regime di Kiev devono stabilire una superiorità in termini di efficienza. Questo significa che devono essere in grado di colpire più velocemente e meglio dei russi, soprattutto con armi a lungo raggio.

Il secondo aspetto importante per compensare la mancanza di uomini è una superiorità tecnologica completa. Gli ucraini hanno bisogno di sistemi d'arma che abbiano un raggio d'azione effettivo più lungo di quello dei russi e che allo stesso tempo proteggano efficacemente gli equipaggi. Devono utilizzare sistemi d'arma più avanzati per cercare di ottenere una superiorità locale a livello tattico, che secondo Remmel porterà poi a una svolta.

Il terzo punto, cruciale nel lungo termine, è stabilire la superiorità di comando ucraina. Ciò significa la capacità di valutare la situazione più velocemente del nemico, avendo strutture di comando superiori e personale esperto sul campo di battaglia, per poi prendere la decisione giusta e metterla in atto più velocemente della controparte.

Allo stesso tempo, l'esperto ha chiarito: "Non vincerete questa guerra con un milione di proiettili di artiglieria in più". Erano già stati promessi in primavera. È un problema enorme per lo Stato Maggiore ucraino se conta su un milione di proiettili e ne ottiene solo tra i 300.000 e i 500.000. Questo ha anche una dimensione strategica, perché lo Stato Maggiore ucraino non può ovviamente fare affidamento sulle parole dell'Occidente.

L'esercito russo produce circa 10 mila munizioni al giorno. Si può quindi calcolare quanto tempo sarebbe sufficiente un milione di proiettili per eguagliare il ritmo di fuoco russo. È meno di tre mesi. E durante questo periodo gli ucraini non vinceranno la guerra, ha affermato l'esperto tedesco.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti