/ Le 10 fake news sul Venezuela che vi ripetono giorno e notte

Le 10 fake news sul Venezuela che vi ripetono giorno e notte

 


teleSUR
 

La disinformazione e la falsa rappresentazione della maggior parte dei media contro il Venezuela e il suo governo genera un fenomeno pericoloso: la popolazione che viene informata attraverso di loro crede a false notizie come vere.

 

Per combattere l'ignoranza e discutere con fermezza nei dibattiti sulla situazione esistente in Venezuela, l'economista e accademico spagnolo Alfredo Serrano ha compilato una semplice lista di dati, a cui abbiamo contribuito con altri, per nutrire le discussioni e, en passant, educare sulla realtà venezuelana.

 

1. L’organo elettorale

 

L'Assemblea Nazionale (AN) del Venezuela, in oltraggio dal 2016, presieduta dal deputato dell'opposizione Juan Guaidó, è stata eletta attraverso il Consiglio Nazionale Elettorale venezuelano (CNE), lo stesso organismo con cui il presidente Nicolás Maduro è stato eletto nel 2013 e 2018. Sia il la direzione dell’AN che Guaidó affermano che il CNE è un'istituzione manipolata, sostenendo in questo modo che la rielezione del presidente è una frode. Secondo questa logica dell'opposizione, anche l'AN e tutti i suoi deputati, incluso Juan Guaidó, lo sarebbero altrettanto.

 

Tuttavia, finora non ci sono documenti che provano questa accusa e, al contrario, le relazioni degli osservatori delle Nazioni Unite (ONU) hanno dimostrato che non ci sono irregolarità nei 25 processi elettorali svolti in Venezuela durante negli ultimi 20 anni.

 

2. Riconoscimenti

 

OSA

L'Organizzazione degli Stati Americani (OSA) non ha riconosciuto Guaidó come presidente incaricato del Venezuela. Il suo segretario generale, Luis Almagro, lo ha fatto per proprio conto e a proprio rischio, ma non i suoi membri come blocco. Almagro ha cercato di spostare l'OSA su questa posizione, ma la maggior parte delle nazioni non ha sostenuto la mozione.

 

ONU

Allo stesso modo, nemmeno l'ONU non ha riconosciuto Guaidó. Il voto straordinario convocato dagli Stati Uniti (USA) per questo motivo, è stato respinto dalla maggioranza dei suoi stati membri. Ciò è stato confermato in diverse occasioni da parte del Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, lasciando in chiaro in una lettera di approvazione l'ingresso di "aiuti umanitari" per il Venezuela, a condizione che questa sia approvato dal governo, presieduto da Nicolás Maduro.

 

Papa Francesco

Il più alto rappresentante della Chiesa cattolica nel mondo non ha aderito al riconoscimento di Guaidó, ha riferito dopo aver risposto ad una domanda a riguardo fatta da un giornalista durante il volo di ritorno in Italia dal suo viaggio a Panama.

 

Unione Europea

Non tutti i paesi dell'Unione Europea (UE) non hanno conosciuto Nicolás Maduro. L'Italia, la Grecia, la Romania, l'Irlanda, la Bulgaria, Cipro, Malta e la Slovacchia non appoggiano la mozione di Guaidó e, in quanto blocco, l'UE non ha deciso una decisione.

 

Altre nazioni

Paesi di grande importanza geopolitica ed economica come la Cina, la Russia, la Turchia, l'Iran, Messico e Sudafrica, così come le nazioni della Comunità dei Caraibi, CARICOM e Parlasur, al Parlamento del Mercosur, così come i governi latino-americani amici del Venezuela come Cuba, Bolivia e Nicaragua non convalidano un altro presidente oltre a Nicolás Maduro.

 

3. Le riserve

 

Il Venezuela è il primo paese al mondo con la più grande quantità di riserve petrolifere; l'ottavo con la più grande quantità di riserve di gas; il valore delle sue riserve auree supera il Prodotto Interno Lordo (PIL) del Cile o della Danimarca; il valore delle sue riserve di ferro supera il PIL del Messico o della Spagna; il valore delle sue riserve di diamanti supera il PIL del Paraguay o della Bolivia. Inoltre, recentemente, è stato dimostrato che nel territorio venezuelano ci sono grandi quantità del minerale mettalico coltan.

 

4. Proprietà

 

Per quanto riguarda la proprietà, il 98,5 percento delle società costituite in Venezuela sono private; 0,5 per cento sono miste; e l'1 per cento sono completamente pubbliche.

 

5. Media

 

Su questa stessa linea, l'80% dei media venezuelani è privato e, tra questi, la maggioranza appartiene all'opposizione.

 

6. Sanzioni statunitensi

 

Secondo un articolo pubblicato dal New York Times, le nuove sanzioni imposte contro il Venezuela dal governo di Donald Trump costeranno all'economia venezuelana un totale di 11.000 milioni di dollari di entrate petrolifere perse.

 

A ciò si aggiungono le conseguenze economiche dei precedenti decreti statunitensi contro il paese: il primo è stato quello di Barack Obama, approvato il 9 marzo 2015, misure applicate sotto la motivazione del "rischio straordinario" che il Venezuela rappresenta per la sicurezza degli USA, come indicato da Obama; Le altre sanzioni sono state generate durante l'amministrazione Trump.

 

7. Relazioni estere

 

La Cina è uno dei principali partner e amici nelle relazioni economiche e politiche con il Venezuela. Il paese sudamericano rappresenta il 40% del finanziamento che il governo cinese concede a tutta l'America Latina. Allo stesso modo, la Russia e la Turchia sono grandi partner del Venezuela. Queste relazioni bilaterali furono forgiate durante i governi di Hugo Chávez e Nicolás Maduro.

 

8. Frontiera con gli Stati Uniti

 

Un importante elemento è il confine tra il Venezuela e gli Stati Uniti, regolato dal Trattato sui confini marittimi del 1978, che stabilisce il confine marittimo tra le isole del Venezuela nel Mar dei Caraibi e i territori dipendenti degli Stati Uniti in quell'area, cioè Porto Rico e Isole Vergini.

 

9. L’aiuto umanitario degli Stati Uniti

 

Dall'inizio delle difficoltà economiche causate dal blocco statunitense, il governo di Nicolás Maduro distribuisce alimenti di base (riso, zucchero, farina, latte, olio, cereali, tra gli altri) per sei milioni di famiglie in tutto il paese. Queste "combo" raggiungono le famiglie ogni 30 giorni attraverso i Comitati Locali di Approvvigionamento e Produzione (CLAP).

 

Gli "aiuti umanitari" promessi dagli Stati Uniti e promossi localmente dall'opposizione guidata da Guaidó hanno un costo di 20 milioni di dollari, una cifra con cui si potrebbero acquistare solo 1 milione di combo CLAP. Allo stesso modo, con 20 milioni di dollari è possibile rifornire solo cinquemila venezuelani per un periodo non superiore a un mese.

 

È importante sapere che durante il 2017 e il 2018, l'UE e gli Stati Uniti hanno inviato insieme un importo approssimativo di 60 milioni di dollari in "aiuti" al Venezuela, un importo che è ancora tre volte l'importo annunciato di recente, che beneficia del 6% della popolazione solo nel consumo di riso.

 

Allo stesso modo, nemmeno 20 o 60 milioni di dollari equivalgono ai 23 miliardi di dollari che gli Stati Uniti e i paesi dell'UE hanno portato via al Venezuela con le sanzioni economiche; cifra equivalente al bilancio che la Spagna stanzia per la sanità e l'istruzione per tre anni.

 

10. Aiuti che non sono coperti dai media

 

Dire che Nicolás Maduro respinge gli aiuti stranieri è un errore. Il fatto che lo faccia con quelli recentemente offerti dagli Stati Uniti risponde all'interventismo di questa azione.

 

Il programma della Pan American Health Organization (PAHO) per il trattamento di alcune malattie in Venezuela, esiste anni fa nel piano sanitario del paese sudamericano. L'assistenza è dettagliata sul sito web dell'agenzia, in seguito ad un accordo con il Ministero della Sanità del Venezuela e PAHO, che ha portato alla consegna di farmaci e contraccettivi e alla formazione nella gestione delle epidemie.

 

Solo nel mese di gennaio 2019, PAHO ha consegnato medicinali per 3.000 pazienti, oltre a 3 milioni di farmaci antiretrovirali e forniture per coprire il 95% dei vaccini contro il morbillo e la difterite.

 

Allo stesso modo, nel novembre 2018, le Nazioni Unite hanno approvato le risorse attraverso il Fondo comune per la risposta alle emergenze (CERF), per un importo di 9,2 milioni di dollari per i programmi umanitari in Venezuela, in collaborazione con lo Stato venezuelano.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa