Esequibo. Il messaggio di Maduro al Regno Unito

Esequibo. Il messaggio di Maduro al Regno Unito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il referendum consultivo in difesa della Guyana Esequiba di domenica 3 dicembre ha avuto un impatto geopolitico nella regione che ha condotto al dialogo di alto livello tra Venezuela e Guyana, tenutosi giovedì 14 dicembre a Saint Vincent e Grenadine, sotto gli auspici della presidenza pro tempore della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) e della Comunità dei Caraibi (CARICOM).

"Dico che questo è il primo impatto diretto da un punto di vista geopolitico nella regione del referendum del 3 dicembre", ha dichiarato il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, nella 30ª edizione del suo programma televisivo "Con Maduro +".

"Quanto abbiamo lottato per un dialogo faccia a faccia con la Guyana (...) per dire tutte le nostre verità, per portare la verità documentata del Venezuela", ha riflettuto il presidente, in uno scenario in cui "la Guyana si è rifiutata di sedersi a parlare, di mostrare la sua faccia e giovedì, grazie all'America Latina e ai Caraibi, insieme alla Celac e alla Caricom, abbiamo ottenuto questo storico incontro faccia a faccia in cui abbiamo portato la verità documentata del Venezuela, abbiamo portato la forza delle ragioni del Venezuela".

Ha descritto l'esperienza e l'ha definita una giornata "molto tesa" a Saint Vincent e Grenadine, dove "non c'è stata nessuna verità venezuelana sui nostri diritti storici che non sia stata portata al tavolo".

"Credo che ci sia stato un grande trionfo della diplomazia per la pace, della diplomazia per avanzare nel salvataggio dei nostri diritti storici", ha detto il Presidente venezuelano, perché "da lì è emerso un documento che tutti dovrebbero conoscere e leggere, perché se abbiamo ottenuto qualcosa con la campagna referendaria e il dibattito, è stato che milioni di uomini e donne venezuelani sono venuti a conoscenza della questione della rivendicazione storica del nostro Esequibo".

Ha ricordato che sono stati 150 anni di lotta e "oggi abbiamo messo la questione dell'Esequibo in cima alla lista delle priorità, affinché una volta per tutte il Venezuela recuperi i suoi diritti storici".

Il presidente Maduro ha ribadito di aver voluto giungere al dialogo per garantire il rispetto del mandato del popolo, perché "il popolo ha parlato e noi dobbiamo rispettare il mandato del 3 dicembre" e "andare avanti attraverso la diplomazia; attraverso la lotta legale e politica, andando avanti con grande forza in modo che prima o poi il Venezuela possa avere il risultato storico di recuperare pienamente i suoi diritti sulla Guyana Esequiba. La Guyana Esequiba appartiene al Venezuela".

Documento di Argyle

Il leader bolivariano ha sottolineato che il documento contenente undici punti, scaturito dalla riunione di alto livello, è un "documento storico, molto importante", dal quale "sono state lasciate in sospeso una serie di azioni che verranno intraprese d'ora in poi".

A questo proposito, ha ribadito i suoi ringraziamenti al Primo Ministro di Saint Vincent e Grenadine e Presidente pro tempore della CELAC, Ralph Gonsalves, "per tutta la sua attenzione e leadership", così come al Primo Ministro della Dominica e Presidente della Caricom, Roosevelt Skerrit, e anche ai Primi Ministri di nove nazioni caraibiche "che erano presenti e ci hanno accompagnato".

"Ringrazio il viceministro degli Esteri dell'Honduras, il ministro degli Esteri della Colombia (Álvaro Leyva), perché il ruolo dell'Honduras e della Colombia è stato di primo piano; e ringrazio il presidente Luiz Inácio Lula Da Silva e il ruolo che ha svolto per la comprensione, per la pace, affinché l'imperialismo statunitense non faccia la guerra come vuole con il Comando Sud, qui nei Caraibi, qui in Sud America", ha affermato Maduro.

Dunque, ha indicato che "è stato un passo avanti ed è il primo impatto", a livello geopolitico nella regione, del referendum del 3 dicembre.

Il Regno Unito deve tenere le mani lontane dall'America Latina

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha anche affrontato il tema delle ingerenze dei paesi imperialisti e ha chiesto alle autorità del Regno Unito di "togliere le mani" dall'America Latina e ha respinto la visita in Guyana di David Rutley, sottosegretario di Stato del Parlamento britannico per le Americhe e i Caraibi.

"Questa è l'abitudine di quegli antichi imperi. Credono di essere proprietari delle loro ex colonie. Sono stati loro a derubare ed espropriare fraudolentemente il Venezuela della nostra Guyana Esequiba".

"Il decadente impero britannico, defunto com'è, mette le sue mani sporche in una questione che non lo riguarda", ha sottolineato il leader bolivariano.

Maduro ha anche ribadito ai britannici che il Vnenezuela ha intenzione di recuperare la Guyana Esequiba, il territorio di quasi 160.000 chilometri quadrati in disputa con la Guyana.

"Più prima che poi il Venezuela recupererà i suoi diritti storici sulla nostra Guyana Esequiba", ha dichiarato.

Commentando l'incontro con il presidente della Guyana Irfaan Ali tenutosi a Saint Vincent e Grenadine, Maduro ha indicato che la dichiarazione congiunta Venezuela-Guyana impegna entrambe le parti a evitare incidenti che portino a tensioni.

La settimana scorsa, Venezuela e Guyana hanno concordato di tenere un incontro in Brasile nei prossimi tre mesi, o "in un altro momento concordato", per affrontare qualsiasi questione relativa al territorio in disputa dell’Esequibo.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti