Finian Cunningham - Come i media occidentali preparano la guerra termonucleare

Finian Cunningham - Come i media occidentali preparano la guerra termonucleare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Intorno alla centrale nucleare di Zaporozhye il regime di Kiev gioca sporco. Ci sono evidenze che l’Ucraina in combutta con i soliti noti USA e NATO stia cercando di organizzare un attacco false flag per poi incolpare la Russia della tragedia nucleare derivante. Con i media mainstream occidentali che sembrano voler preparare l’opinione pubblica alla guerra termonucleare con la discesa in campo diretta della NATO. 

In questo articolo, che proponiamo tradotto in italiano, Strategic Culture denuncia il ruolo nefasto del mainstream occidentale nella disinformazione sulla centrale di Zaporozhye. 

 

-------------------

 

di Finian Cunningham - Strategic Culture

I media occidentali stanno condizionando il pubblico per un attacco sotto falsa bandiera alla centrale nucleare di Zaporozhye (ZNPP) per incolpare la Russia. Ciò fornirebbe quindi agli Stati Uniti e alla NATO un pretesto per intervenire direttamente nella loro guerra per procura a sostegno del regime di Kiev.

La controffensiva del regime di Kiev, partita un mese fa, sta fallendo miseramente nello sfondare le linee di difesa russe. In effetti, semmai, sembra che le forze russe stiano ribaltando la situazione per guadagnare più territorio nell'Ucraina orientale. La situazione militare sta diventando un fiasco per il regime sostenuto dalla NATO a Kiev.

Mesi di tanto pubblicizzata controffensiva non stanno portando altro che la sconfitta per le forze ucraine, nonostante le massicce forniture di armi dagli Stati Uniti e dai suoi alleati della NATO. I governi e i media occidentali riescono a malapena a nascondere la realtà che la guerra per procura della NATO in Ucraina contro la Russia si sta trasformando in una debacle storica. Per quanto tempo può continuare la farsa prima che il pubblico statunitense ed europeo chieda risposte e responsabilità?

Con un importante vertice della NATO che si terrà la prossima settimana a Vilnius, in Lituania, l'11 e il 12 luglio, il disastro sul campo di battaglia per il regime di Kiev sarà potenzialmente motivo di grave imbarazzo. Ci saranno gravi ripercussioni politiche per Washington e l'Unione Europea, che ha incanalato quasi 200 miliardi di dollari in sostegno militare al regime di Kiev da quando è scoppiato il conflitto nel febbraio dello scorso anno.

Far saltare in aria la centrale nucleare di Zaporozhye è un modo per cambiare radicalmente la narrazione, anche se un atto di disperazione criminale. La centrale è la più grande installazione nucleare civile d'Europa. La ricaduta radioattiva di un attacco missilistico fatale su Zaporozhye inghiottirebbe vaste aree dell'Europa, inclusa la Russia, con una contaminazione potenzialmente mortale.

Le forze russe hanno preso il controllo della ZNPP lo scorso marzo, pochi giorni dopo aver lanciato la loro operazione militare speciale in Ucraina il 24 febbraio. Da allora, la centrale elettrica è stata regolarmente colpita dal regime di Kiev utilizzando razzi forniti dagli Stati Uniti e dalla NATO. Mosca ha presentato prove categoriche di frammenti di missili NATO recuperati da attacchi aerei sui bacini di raffreddamento dell'impianto. Il cane da guardia nucleare delle Nazioni Unite, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica, ha visitato la ZNPP più volte e saprà sicuramente da dove vengono lanciati i missili, ma l'AIEA è decisamente riluttante a identificare pubblicamente gli autori. Si limita a rilasciare dichiarazioni vaghe che esprimono preoccupazione per la sicurezza e l'incolumità pubblica.

I media occidentali hanno spudoratamente distorto la narrativa del regime di Kiev sostenendo che la ZNPP è stata bombardato dalle forze russe nonostante l'assurdità di tali affermazioni dato che l'esercito russo controlla la centrale nucleare.

La situazione è una ripetizione del sabotaggio alla centrale idroelettrica di Kakhovka. La diga è stata fatta saltare il mese scorso dal regime di Kiev usando razzi HIMARS forniti dagli Stati Uniti. Eppure i media occidentali hanno immediatamente incolpato e continuano ad incolpare la Russia per quel sabotaggio, anche se Mosca aveva avvertito per mesi il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che il regime di Kiev stava progettando di colpire la diga. E anche se le forze russe avevano il controllo della diga.

Incredibilmente, dato quell'ovvio precedente, un attacco sotto falsa bandiera alla centrale nucleare di Zaporozhye viene ora intensamente preparato. Il regime di Kiev ha intensificato gli avvertimenti pubblici secondo cui le forze russe hanno minato la ZNPP e la faranno saltare in aria. È preoccupante che i media occidentali stiano amplificando queste affermazioni indipendentemente dal fatto che gli ispettori dell'AIEA abbiano affermato di non vedere alcuna prova che la Russia abbia minato la centrale nucleare.

Il quotidiano britannico Times questa settimana ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin sta affrontando un "momento pericoloso" di dissenso interno alla Russia a causa delle presunte perdite di guerra in Ucraina e del sventato ammutinamento del capo di Wagner, Yevgeny Prigozhin. Il Times semina l'idea che "Putin potrebbe far saltare in aria la ZNPP per rafforzare la sua logora autorità".

In tal caso, sollecita il Times, la NATO dovrebbe intervenire direttamente con truppe sul terreno in Ucraina. "Sarebbe il modo più rapido per porre fine alla guerra crudele e neutralizzare il regime corrotto di Putin", intonava il giornale con ragionamenti ipocriti.

La macchina della propaganda dei media occidentali sta ancora una volta capovolgendo la realtà. L'ammutinamento di Prigozhin il 24 giugno è stato un miserabile fallimento perché le forze armate russe e l'opinione pubblica russa hanno risolutamente respinto il complotto a metà, rimanendo fedeli alla leadership del presidente Putin. Ci sono forti prove che il complotto fosse un tentativo di colpo di Stato sostenuto dall'intelligence occidentale e orchestrato dall'MI6 britannico, come ha analizzato in modo completo Scott Ritter.

Non essendo riusciti a destabilizzare la Russia e a rovesciare il governo di Putin, la CIA e l'MI6 britannico attraverso i loro affidabili media occidentali stanno ricorrendo a una narrativa consolatoria secondo cui l'autorità di Putin sta ora vivendo un “momento pericoloso”. Producendo i presupposti per far saltare in aria la ZNPP.

Ma non sarà la Russia a bombardare una centrale nucleare dove sono stazionate le sue forze. Sarà il regime di Kiev a usare le munizioni della NATO e l'intelligence statunitense e britannica a prendere di mira, come è avvenuto nel sabotaggio della diga di Kakhovka il 6 giugno.

Il regime di Kiev sta ordinando ai civili di evacuare dalle aree vicino allo ZNPP, mentre i suoi capi di intelligence e militari stanno delineando "piani di emergenza" su come affrontare le conseguenze di un presunto attacco russo. Tutto questo è un po' troppo teatrale, indicando un'orchestrazione.

I media occidentali hanno continuamente insabbiato o non riportato i consueti attacchi aerei del regime di Kiev sullo ZNPP nell'ultimo anno. Invece, i media hanno audacemente distorto la narrazione per coinvolgere la Russia. Ora i media occidentali stanno preparando l'imminente false flag cercando di convincere il pubblico che la Russia sta perdendo la guerra in Ucraina e che Putin sta perdendo autorità tra i cittadini comuni russi.

Manipolare il pubblico è ciò che i media occidentali sanno fare meglio, non "informare". È stato così per decenni, ma la funzione dei media non è mai stata così sfacciata come durante la guerra per procura guidata dagli Stati Uniti in Ucraina contro la Russia.

Il regime neo-nazista di Kiev, incredibilmente corrotto, cerca disperatamente di mantenere il racket della guerra a tutti i costi, così come l'industria occidentale delle armi e i suoi politici comprati e pagati. (Siano democratici o repubblicani, liberali o conservatori, sono tutti del Partito della Guerra.)

Gli ideologi della NATO cercano disperatamente di nascondere la loro debacle, che in effetti è finanziata dall'impoverimento del pubblico occidentale. Non è Putin quello disperato. Sono gli Stati Uniti ei suoi satrapi europei ad essere come i topi in un angolo.

Se questi desperados fanno saltare in aria la centrale nucleare di Zaporozhye, ciò equivale alla NATO che sgancia una bomba sporca sulla Russia.

E tutta la manipolazione dei media occidentali sta scatenando la catastrofe termonucleare.

Ecco una proposta, solo una tra le altre possibilità: una campagna contro la guerra potrebbe prendere in considerazione l'idea che il pubblico occidentale spenga apertamente e in massa le proprie TV ei canali dei media tossici. Per giorni a rotazione, disattiva CNN, Fox, BBC, New York Times, Guardian, Times e così via. In una protesta concertata e sincronizzata. Spegnili! Prima che questi pazzi spengano l'intero pianeta. 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti