Gli USA bloccano i fondi dell'Afghanistan. Solo la Cina è rimasta ad aiutare il popolo afghano

Gli USA bloccano i fondi dell'Afghanistan. Solo la Cina è rimasta ad aiutare il popolo afghano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da quando le ultime truppe statunitensi si sono ritirate dalla base aerea di Bagram e dall'aeroporto internazionale di Kabul è rimasta solo la Cina a dare assistenza economica al popolo afghano, diventando la prima nazione al mondo a garantire assistenza umanitaria all'emirato islamico dell'Afghanistan (nome scelto per il paese dai Talebani) in difficoltà. 

Anche il ministero degli Esteri cinese come le nuove autorità di Kabul ha richiesto che la banca centrale degli Stati Uniti e i suoi alleati nell'Europa occidentale restituiscano le risorse che appartengono legalmente all'Afghanistan. Ma le risorse afghane restano “congelate” perché il Tesoro statunitense ha imposto sanzioni finanziarie ai talebani, consentendo agli Stati Uniti di confiscare effettivamente il denaro (anche se probabilmente rimarrà congelato per qualche tempo poiché gli Stati Uniti non possono spenderlo legalmente).

Secondo quanto calcolato dalla Banca Mondiale, gli afgani hanno circa 10 miliardi di dollari di riserve estere al di fuori del paese, principalmente negli Stati Uniti e in Europa.

E mentre gli Stati Uniti hanno finora ignorato le richieste di Pechino che la Fed rilasci le riserve dell'Afghanistan in modo che il denaro possa essere utilizzato per nutrire le persone affamate e stanche della guerra, l’agenzia Reuters ha però notato che una tale politica potrebbe colpire l’Europa che vedrebbe riversarsi su di essa una considerevole ondata migratoria. 

Il ragionamento dei talebani è semplice: se l'occidente trattiene i soldi - che di fatto appartengono al popolo afghano - si scatenerà un'inevitabile crisi umanitaria. Una volta che ciò accadrà, gli afgani inizieranno a fuggire in Europa su strada, in barca e con qualsiasi altro mezzo, scatenando un'altra crisi migratoria. 

A tal proposito in quel di Bruxelles, sempre poco interessati ai diritti umani in maniera concreta, più prosaicamente temono che ciò possa comportare una nuova rinascita della destra anti-globalista e anti-migranti. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...