Golpe alla democrazia brasiliana: Senato approva il giudizio politico contro Dilma

Golpe alla democrazia brasiliana: Senato approva il giudizio politico contro Dilma

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Con 55 voti favorevoli e 22 contrari, il colpo di stato parlamentare contro Dilma Rousseff si è concluso oggi. Dilma Rousseff sarà sostituita dal Vice Presidente Michel Temer.
 
Il Senato del Brasile ha approvato giovedì l'impeachment del presidente Dilma Rousseff, il che implica la sospensione dalla carica per sei mesi, un evento senza precedenti che diventa un colpo mortale alla democrazia brasiliana, dato che il presidente eletto è accusato senza prove. 
 
L'approvazione ha visto il voto favorevole di 55 senatori, 22 contrari. Ogni senatore aveva 10 minuti per esercitare il suo diritto di parlare e quello di voto. La sessione è iniziata alle 09H00 ora locale ed è durata fino alle prime ore di giovedì, quando la maggior parte dei senatori ha espresso il suo voto.
 
L'avvocato di Dilma ha dichiarato che "questo impeachment non è giustificato". La difesa di Dilma Rousseff ha dichiarato che "non esiste nessuna prova di responsabilità presentata contro il presidente", ha proseguito l'avvocato, sostenendo come la relazione presentata dal relatore di impeachment "giustifica un intento politico per squalificare il presidente.". E ancora: "Costruisce una fantasia retorica per distruggere un presidente legittimo". 
 
D'ora in poi, a guidare il paese sarà il vicepresidente Michel Temer, uno dei piloti, con il presidente della Camera dei Deputati, Eduardo Cunha, dell'impeachment del presidente legittimo Rousseff. Se durante il processo, che inizierà a metà maggio, verrà giudicata innocente, il presidente del Brasile, Dilma Rousseff, riprenderà le sue funzioni.
 
Rousseff viene per ora sostiuita da Temer, contro il quale la Corte Suprema ha ordinato un processo di impeachment. Temer appartiene al partito centrista del Partito del Movimento Democratico Brasiliano (PMDB), che ha rotto la sua alleanza con il Partito dei lavoratori (PT).
 
Temer per mesi stava preparando un progetto di un governo neoliberale. La messa in stato d'accusa del Capo di stato, senza alcun elemento di violazione della legge, è una chiara indicazione che il modello di democrazia rappresentativa in Brasile è sepolto ed è impersonale. 
 
La messa in stato d'accusa del capo dello Stato, senza contare con un unico elemento di violazione di legge, è una chiara indicazione che il modello della democrazia rappresentativa è sepolto ed è impersonato da monopoli in mano a gruppi finanziari.
 
Il presidente Dilma darà un messaggio alla nazione giovedì alle ore 10.00 ora locale. Da Giovedi, Rousseff lascerà il palazzo Planalto (sede del governo) e affronterà il Palazzo Alvorada, la residenza ufficiale, dove preparerà la sua difesa.
 
…....................................................

JESUISDILMA

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti